17 Settembre 2022

MALTEMPO: CODACONS PRESENTA DENUNCIA PER OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO E CONCORSO IN OMICIDIO COLPOSO

    Scarica il PDF

    PROCURA DI ANCONA DEVE ESTENDERE INDAGINI VERSO GOVERNO E ISTITUZIONI. MAI ATTUATO PIANO NAZIONALE SU RISCHIO IDROGEOLOGICO

    GIA’ DAL 2010 UNA DIFFIDA DEL CODACONS CHIEDEVA AL GOVERNO L’ADOZIONE DI MISURE URGENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO

    ALTRO CHE EVENTO IMPREVISTO E IMPREVEDIBILE: DA RESPONSABILI PIETOSE BUGIE

    Sulla tragedia che ha colpito nelle scorse ore le Marche il Codacons presenta oggi un esposto alla Procura della Repubblica di Ancona, che ha già aperto una inchiesta, e alla Corte dei Conti, affinché siano accertate le responsabilità di istituzioni ed enti locali.
    Siamo di fronte ad un disastro annunciato, e da anni denunciamo l’assenza in Italia di un piano di prevenzione dei dissesti idrogeologici e il mancato utilizzo dei fondi per interventi strutturali sul fronte della messa in sicurezza del territorio – spiega il Codacons – Il Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico approvato con delibera del Cipe n. 35 del 24 luglio 2019 risulta inattuato, mentre il Piano Nazionale di adattamento dei cambiamenti climatici non è stato mai realizzato. Nel mentre, l’opera dell’uomo, gli abusi edilizi e la omessa pianificazione degli interventi preventivi restano le cause immediate e principali dei disastri a cui ogni anno assistiamo.
    Già nel 2010 con una formale diffida inviata a Governo e Protezione civile, il Codacons chiedeva di adottare “atti idonei a rimuovere nonché a predisporre tutti gli interventi all’uopo necessari e/o comunque riportare in termini di normale tollerabilità l’emergenza legata al rischio idrogeologico, ivi compresi gli ordini di bonifica, lo stanziamento di fondi al fine di bonificare e/o l’impiego dei fondi già stanziati, e di ogni altro atto necessario”, diffida rimasta purtroppo lettera morta.
    Al contrario l’attuazione degli interventi richiesti avrebbe potuto evitare la tragedia che si è consumata nelle Marche, e sicuramente mitigato le conseguenze per il territorio e per la popolazione – denuncia il Codacons – Per tale motivo presentiamo oggi un esposto alla Procura di Ancona, chiedendo di estendere le indagini verso Governo, istituzioni ed enti locali che avevano l’obbligo giuridico di adottare tutte le misure necessarie ad evitare il disastro delle Marche, procedendo per le possibili fattispecie di omissione di atti d’ufficio e concorso in omicidio colposo.
    Analogo esposto sarà presentato alla Corte dei Conti affinché accerti i danni erariali derivanti dalla mancata attuazione dei piani su dissesto idrogeologico e cambiamento climatico.

    DI SEGUITO IL TESTO DELLA DIFFIDA PRESENTATA DAL CODACONS NEL 2010

    sintesi class action frane

     

     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox