17 Marzo 2019

Luigi Bottaro direttore Asl3 ‘Verifiche e autorizzazioni contro i conflitti di interesse’

Per quanto forte nei toni, la denuncia del Codacons non coglie di sorpresa i medici genovesi. “E’ un tema che interessa anche a noi, operatori della sanità, e infatti è proprio uno degli argomenti che stiamo affrontando in questo periodo”. Luigi Bottaro è il direttore generale della Asl3 azienda che al pari delle altri principali genovesi (Galliera, Gaslini, San Martino) compare nell’ elenco dei beneficiari di finanziamenti. Direttore, cosa deve pensare il cittadino/ paziente di fronte a questi dati? “E’ un argomento importante e interessante. Intanto ritengo che riguardi principalmente, per numero e volume di finanziamenti la produzione di nuovi farmaci oncologici. Quando un’ azienda finanzia una sperimentazione lo fa perché ritiene che quel farmaco darà risultati migliori dei precedenti e anche il singolo medico e la singola azienda sanitaria nutrono la stessa speranza. Stiamo parlando di un sistema che nella sua versione virtuosa è fondamentale per la ricerca. E quando effettivamente l’ aspettativa si concretizza questo spiega anche l’ aumento di prescrizioni da parte dei medici. Ma la questione è più complessa…”. Appunto. “Proprio per evitare i rischi di conflitti di interesse che, è inutile nasconderlo, esistono, in queste settimane fra aziende e ospedali liguri ci siamo riuniti più volte per arrivare a procedure e standard comuni”. Quali anticorpi ai rischi di conflitti? “Intanto prima di autorizzare attività sperimentali il progetto deve oltrepassare diverse verifiche a cominciare da quella del Comitato etico. Inoltre i compensi vengono suddivisi: una parte al medico incaricato, ma altre ai vari componenti dello staff, medici, infermieri, tecnici, e poi un parte importante alla Asl o all’ ospedale che utilizzano quei soldi per la formazione, borse di studio”. Ci sono però vari modi per ricompensare chi è ben disposto… “Non ce lo nascondiamo. E, infatti, sempre in Asl3 abbiamo predisposto un meccanismo di verifiche che precede ogni autorizzazione per viaggi di aggiornamento o congressi. Lo scopo è quello di accertare eventuali conflitti fra chi sovvenziona e chi partecipa. Ci rendiamo conto che è un confine a tratti invisibile, ma credo che potenziando questo sistema, applicandolo in ogni situazione si possa, se non eliminare del tutto il rischio, sicuramente tenerlo sotto controllo”. – marco preve © RIPRODUZIONE RISERVATA Standard Luigi Bottaro direttore generale della Asl 3: “Standard comuni fra le varie aziende sanitarie”

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox