fbpx
10 Ottobre 2002

LOCALI SQUILLO A ROMA: DOPO LA DENUNCIA DEL CODACONS INTERVIENE IL GARANTE

    LOCALI SQUILLO A ROMA: DOPO LA DENUNCIA DEL CODACONS INTERVIENE IL GARANTE DELLA PRIVACY RODOTA? ACCOGLIE IN PIENO LE TESI DELL?ASSOCIAZIONE, CHE NEI GIORNI SCORSI AVEVA CHIESTO UN SUO INTERVENTO






    Il CODACONS esprime soddisfazione per l?intervento del Garante della Privacy, (richiesto proprio dall?associazione!) che, in una nota diffusa oggi riguardo l?inchiesta sul giro di prostituzione in un locale romano, afferma: ?In riferimento alle segnalazioni pervenute in questi giorni al Garante da parte di diversi soggetti riguardo alla pubblicazione dei nomi delle persone coinvolte nell?inchiesta su un giro di prostituzione nella capitale – e della quale gli organi di informazione hanno dato ampia notizia – il Collegio del Garante per la protezione dei dati personali ribadisce i principi generali già più volte espressi in precedenti interventi in materia.
    In particolare, la necessità di non diffondere informazioni non indispensabili, soprattutto laddove queste siano legate ad aspetti particolarmente riservati, come la vita sessuale delle persone, e attinenti, quindi, alla loro sfera più strettamente privata. Questo anche allo scopo di evitare ingiustificate spettacolarizzazioni o eventuali strumentalizzazioni di scelte personali?.


    Il Garante ha quindi accolto in pieno le tesi del Codacons, che chiedeva di tutelare il diritto alla riservatezza dei clienti delle ragazze squillo. L?associazione auspica ora che giornali e tv si attengano scrupolosamente alle disposizioni di Rodotà.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox