11 settembre 2017

LIVORNO, MALTEMPO: CODACONS DENUNCIA ENTI LOCALI E PROTEZINE CIVILE PER CONCORSO IN OMICIDIO CON DOLO EVENTUALE E DISASTRO AMBIENTALE

 

INDAGARE SU ADEGUATEZZA ALLARME E INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO

 

Dopo la tragedia di Livorno, il cui bilancio per ora è di 6 vittime e due dispersi, il Codacons presenta oggi un esposto alla Procura della Repubblica in cui si chiede di accertare le responsabilità di istituzioni ed enti locali, alla luce delle possibili fattispecie di concorso in omicidio con dolo eventuale e disastro ambientale.
Abbiamo deciso di chiedere alla Procura di Livorno di verificare se sia stato lanciato adeguato allarme in merito all’ondata di maltempo che ha investito la città, o se al contrario ci sia stata una sottovalutazione dei pericoli per la popolazione che ha portato al disastro – spiega l’associazione – Comune, Provincia, Protezione civile e tutti gli altri enti pubblici competenti hanno il dovere di mettere in sicurezza il territorio e i cittadini, attraverso interventi su argini, fiumi e torrenti, ed evacuando i residenti in caso di necessità, ed in presenza di omissioni può configurarsi nei loro confronti la fattispecie di dolo eventuale, che si verifica quando un soggetto pone in essere un comportamento accettandone i rischi e le conseguenze che, seppur non volute, appaiono possibili.
Eventuali carenze sul fronte della sicurezza e del territorio hanno di fatto contribuito a determinare la tragedia di Livorno, motivo per cui oggi il Codacons chiede alla magistratura di accertare le responsabilità di tutti gli enti pubblici, valutando anche l’arresto dei soggetti che avevano il compito di tutelare la popolazione e non hanno adempiuto ai propri doveri istituzionali.
Intanto l’associazione, ai sensi della legge 241/90, invierà oggi formale istanza d’accesso per acquisire tutte le comunicazioni intercorse tra Protezione civile e i sindaci dei comuni devastati dal maltempo di ieri, e le segnalazioni dei cittadini circa lo stato di fiumi e torrenti e richieste di intervento di messa in sicurezza.