25 Giugno 2002

Litoranea, scommessa sui bus

Crescono anche gli ausiliari del traffico: per gli automobilisti scorretti si ipotizza l?interruzione di pubblico servizio

Litoranea, scommessa sui bus

Raddoppiate le corse ma per sosta vietata scatterà la denuncia in Procura




Denuncia penale per interruzione di pubblico servizio nei confronti di tutti gli automobilisti multati sulla Litoranea, raddoppio dei jumbo-bus impiegati sulla linea 07 barrato e schieramento di venti ausiliari del traffico per collaborare con i vigili contro sosta selvaggia. Dopo l?ennesima domenica di paralisi, l?Atac passa alle maniere forti: lotta dura contro gli indisciplinati e largo alle vetture gialloverdi.
Dopo la reazione a caldo del presidente dell?Atac, Mauro Calamante, intenzionato a mettere in discussione il servizio in condizioni di inagibilità come quelle verificatesi domenica scorsa (90 corse annullate su 184 programmate), l?azienda ci ripensa e calibra una nuova strategia. Due i fronti sui quali ci si muoverà: una durissima repressione della sosta selvaggia che impedisce il passaggio dei mezzi pubblici e l?aumento dei bus in servizio. L?Atac chiederà ufficialmente alla Polizia municipale di Ostia e di Pomezia la consegna dei verbali di multa elevati nei confronti delle auto in sosta d?intralcio. E? intenzione dell?Ufficio legale aziendale di denunciare ciascun automobilista per interruzione di pubblico servizio. «Un discorso che vale per lo 07 barrato ma anche per lo 062 ? segnalano dall?Atac ? Sabato, ad esempio, la linea del lungomare Vespucci è rimasta bloccata dalle auto in sosta d?intralcio dalle 14,30 alle 15,30 e dalle 16 alle 17,50».
Altra misura straordinaria assunta dall?azienda di trasporto sarà quella di schierare in campo anche gli ausiliari del traffico, ispettori dell?Atac con facoltà di multare le auto che intralciano il transito. «Già da sabato prossimo ? anticipano all?ex municipalizzata ? ne impiegheremo dieci al mattino e dieci nel pomeriggio».
Infine, l?azienda non arretra: cresce il traffico? E allora aumentino anche le vetture in servizio. I jumbo-bus sulla litoranea rappieranno, passando da 6 a 12. «Non possiamo che scendere in campo ? conferma il presidente Calamante ? in difesa dei nostri utenti costretti dalla sosta selvaggia a rimanere a piedi o intrappolati nei bus. Occorre, però, che su quel tratto di strada siano fatte rispettare le regole».
Intanto il Codacons si mette a disposizione degli utenti rimasti intrappolati nel disservizio di domenica. «Potranno chiedere un risarcimento tutti i cittadini che, ieri, hanno atteso il bus per più di un`ora, sotto un sole rovente, per andare a Ostia o Torvaianica ? segnala il coordinamento delle associazioni di consumatori ? Chi vorrà potrà rivolgersi a noi, per preparare una richiesta di risarcimento al giudice di pace».
Interventi autorevoli sul nodo della Litoranea si registrano anche da parte del sindaco Walter Veltroni e del prefetto Emilio Del Mese che si sono sentiti telefonicamente per analizzare la situazione. «L`Atac deve garantire il collegamento, con il mezzo pubblico, tra Roma e Ostia, ma sta all`azienda decidere se intende fare utilizzando un jumbo bus o due autobus normali» è la riflessione del primo cittadino, che ha preso impegno di confrontarsi con gli assessori per cercare soluzioni che possano fluidificare il traffico. «Dal Campidoglio ? osserva il prefetto Del Mese ? mi è stato assicurato che è allo studio un piano di parcheggi di scambio. Sto aspettando quella proposta per valutarla insieme e assumere le conseguenti iniziative». Intanto, non bastasse il caos sulle strade, ieri un incendio di sterpaglie a Ostia Antica ha bloccato la ferrovia Roma-Lido dalle 15,30 per un?ora.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this