3 Novembre 2001

Lite di Ognissanti

Sarà un magistrato a dover decidere

PISA ? Sarà un magistrato a dover decidere chi ha ragione nella lite di Ognissanti tra l`Arcivescovo di Pisa e la Polizia Municipale. Il Codacons ha infatti presentato un esposto alla Procura, ritenendo che la situazione non risulti sufficientemente chiara. Tutto è avvenuto nel giro di pochi minuti, nel pomeriggio di giovedì. Monsignor Alessandro Plotti si è ritenuto offeso dal comportamento di due vigili urbani che non lo hanno fatto parcheggiare davanti alla porta del cimitero, dove avrebbe dovuto celebrare la Messa.

L`arcivescovo è dunque tornato a casa ed ha chiesto ed ottenuto pubbliche scuse. Ma, nonostante che ieri mattina, nell` abitazione del presule, sia avvenuta una formale riconciliazione con il Comandante della polizia municipale e con gli stessi due vigili con cui era avvenuto il diverbio, la vicenda non pare essere ancora conclusa.
Il presidente della sezione pisana del Codacons, Gianfranco Mannini, ha infatti chiesto alla magistratura di verificare se nei comportamenti di monsignor Plotti «non vi siano stati profili di reato quali interruzione di pubblico servizio, rifiuto di atti d`ufficio, offese a pubblici ufficiali nell`esercizio delle loro funzioni».

Anche altre voci si sono alzate contro l`arcivescovo, come quella di un ex consigliere comunale, ora segretario dell`Ugl. «Ero presente ai fatti», ha scritto, «e devo dire che i vigili urbani hanno fatto il loro dovere. Se arroganza c`è stata la si deve attribuire al signor Plotti.
Distensivo, invece, il tono dell`amministrazione comunale che parla di uno «spiacevole equivoco» dovuto al fatto che i vigili non avrebbero riconosciuto l`arcivescovo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox