9 Ottobre 2014

Linea nuova già al palo: ira di Marino per il metrò

Linea nuova già al palo: ira di Marino per il metrò

Il ministero d ei Trasporti ritarda l’ apertura del primo tratto della metro C di Roma, previsto per sabato prossimo, e Ignazio Marino “occupa” simbolicamente il dicastero per avere il verbale della decisione. La Commissione collaudo non ha dato l’ ok all’ apertura e ci sarebbe una carenza di atti. Il sindaco è furioso. «Voglio sapere chi è il responsabile – dice -. Le imprese rendano conto ai romani». Cita il gruppo Caltagirone e Finmeccanica. E convoca subito le aziende in Campidoglio. Anche il Codacons scende sul sentiero di guerra: «L’ ennesimo rinvio dell’ apertura della metro C determina un danno sia all’ immagine della città, sia agli utenti, privati ingiustamente di un servizio atteso da anni. Nei loro confronti il Codacons avvierà una azione risarcitoria dinanzi alla Corte dei Conti per i danni erariali prodotti e per gli immensi danni causati all’ utenza», dichiara il presidente dell’ associzione, Carlo Rienzi. «Il Codacons – si legge in una nota – chiede formalmente al sindaco Ignazio Marino di rendere pubblici nomi e cognomi dei soggetti responsabili del nuovo stop alla metro».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox