30 Maggio 2006

Libro gratis, ma compri l`enciclopedia

Libro gratis, ma compri l`enciclopedia


Polemiche sull?offerta della Motta editore che si dissocia dai metodi di vendita degli agenti



Un altro caso di pubblicità ingannevole? «No», risponde la Federico Motta editore: si tratta solo di agenti vendita che non si fanno scrupoli nell`aumentare la produttività. I casi segnalati alla redazione del Gazzettino dai genitori di alcuni studenti delle elementari “Pascoli“ di Rovigo – «Dovevano solo consegnarci un libro gratuito, invece volevano venderci subito un`enciclopedia da 2.500 euro» – non è la continuazione del caso “progetto Federico Motta“ che due anni fa era stato contestato dal Codacons di Forli, e che s`era concluso con una pronuncia di «fattispecie di pubblicità ingannevole» da parte dell`Autorità garante della concorrenza e del mercato. Le modalità di vendita, però, restano simili, e la Federico Motta editore se ne dissocia.
Il fatto. Lo scorso novembre gli agenti di vendita della casa editrice milanese contattano la scuola “Pascoli“ e le elementari dei quattro circoli didattici locali per presentare il progetto “Internet Motta Club“: in pratica, un`enciclopedia virtuale da consultare via Internet con l`accesso alla banca dati “Motta on line“. Ricevuto l`assenso dei dirigenti scolastici, motivato dalle credenziali della casa editrice – ente “accreditato per la formazione del personale della scuola ai sensi del decreto ministeriale 177/2000“, e in convenzione con il Miur (protocollo n.1322 del 28 marzo 2003) per la fornitura dei propri prodotti alle scuole a prezzi di favore – gli agenti concordano gli incontri di formazione con gli insegnanti (sul tema “Apprendimento, didattica e nuove tecnologie“) e poi con gli studenti. Ai bambini, dalla prima alla quinta elementare, s`insegna in un`ora e mezza la conoscenza del mondo di Internet, la navigazione sicura e la cultura on-line: terminata la lezione, gli studenti ricevono un attestato, il cosiddetto “Diploma di cibernauta“.

Prima degli incontri con i ragazzi, era stata cura del dirigente scolastico inviare alle famiglie una lettera informativa sulla collaborazione con il gruppo editoriale Motta. In cui si spiegava che nome e cognome dei ragazzi sarebbero stati utilizzati solo ed esclusivamente per la preparazione del diploma di cibernauta. L`ultima pagina del diploma, però, invita i genitori – scrivendo indirizzo e recapito telefonico per la consegna – a ricevere gratuitamente il libro “L`Europa a piccoli passi“. I genitori che scelgono di compilare la parte finale del diploma (una scheda osservatorio sull`uso di Internet in famiglia) ricevono così la visita degli agenti di vendita. E qui iniziano le lamentele. Se la Federico Motta editore, attraverso il proprio ufficio stampa, spiega che gli agenti di vendita avrebbero dovuto promuovere i prodotti del gruppo solo in un incontro successivo alla consegna del libro gratuito, e con il consenso dei genitori, questi accusano i venditori d`aver consegnato “L`Europa a piccoli passi“ solo per vendere un`enciclopedia. Gli agenti – riferiscono i genitori arrivati a protestare – spiegano che sono prodotti che vanno al ritmo dello sviluppo didattico delle due “I“ (Internet e Inglese), facendo intendere che il progetto “Internet club“ è indispensabile agli studi dei figli: pagando 175 euro per l`attivazione di “Internet club“ più 59 euro di canone mensile per l`accesso alla banca dati on-line, arriveranno in “regalo“ sedici volumi di un`enciclopedia. Per quelli che “ripassi, le farò sapere“, la risposta degli agenti di vendita non ammette indugi, riferiscono i genitori: «Deve decidere subito, altrimenti perderà questa promozione che è riservata solo a 2.000 famiglie in tutta Italia». Se l`ufficio stampa della Federico Motta editore censura i metodi di vendita di questi agenti – «Atteggiamenti così danneggiano gli interessi dei clienti, e quindi anche i nostri» – il Codacons ricorda che due anni fa capitò la stessa situazione in un comune della Bassa Padovana.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this