22 Settembre 2004

L`Eurispes: “Una beffa i risparmi nei supermarket“



ROMA – Il patto sui prezzi è “un`illusione“. Non può funzionare perché troppi sono i prodotti esclusi (tutti i grandi marchi), troppi gli operatori che non lo hanno firmato (dai piccoli commercianti agli ambulanti), troppe le voci di spesa che ne restano fuori (frutta, verdura, pane, salumeria, spesso carne e pesce fresco: in pratica tutto quello che non è confezionato). Se va bene dunque, l`impatto che l`accordo di Marzano avrà sulla spesa delle famiglie sarà ridotto a 10 centesimi di risparmio su mille euro di spesa. Pari ad un rallentamento dell`inflazione dello 0,01 per cento (dal 2,3 previsto al 2,29). Il desolante verdetto arriva da uno studio dell`Eurispes che considera il risultato finale dell`accordo un “bluff“. “Non che l`iniziativa in sé non sia apprezzabile, anzi va nella direzione giusta – sottolinea Gian Maria Fara, presidente dell`istituto – ma non sarebbe onesto nascondere al consumatore che i vantaggi tratti sono praticamente nulli“.

A tale quadro l`Eurispes arriva partendo da questi dati: la percentuale del fatturato sui prodotti venduti a marchio interno della grande distribuzione non supera, nella media nazionale, il 20 per cento dell`incasso complessivo del settore “grocery“, (prodotti alimentari, per la cura del corpo e della casa). La grande distribuzione ha un giro d`affari complessivo di 65 miliardi di euro, pari al 22 per cento del mercato al dettaglio degli stessi “grocery“ (che sono appunto quelli inseriti nel patto sul blocco dei prezzi). Questo vuol dire – deduce l`Eurispes – che alla fine lo stop si applicherà solo al 4,4 per cento di quei prodotti. Considerato che, in base ai dati Istat, le spese per alimenti, pulizia propria e della casa pesano solo per il 20 per cento sulla spesa complessiva della famiglia il risultato finale dell`accordo è appunto “minimo“. Tanto più, fa notare l`istituto, che il blocco non copre l`intero anno, ma solo i tre mesi da qui a Natale: tenuto conto che l`inflazione del 2004 sia davvero del 2,3 per cento – spiega l`Eurispes – e che per i primi nove mesi questi prezzi abbiano continuato a marciare al rialzo, alla fine dell`anno , su questi prodotti, ci sarà pur sempre un aumento di prezzi dell`1,7 per cento. Tradotte nel carrello, tutte queste premesse e constatazioni, si trasformano appunto in un risparmio di “10 centesimi ogni mille euro di spesa“.

Sentenza, quella dell`Eurispes, che il governo di sicuro non accetta. Certo, promette, si farà di più. Marzano, ispiratore dell`accordo, fa sapere che il blocco dei prezzi “potrebbe durare anche oltre la fine dell`anno“. Berlusconi, parlando a Genova, assicura che, “assolutamente sì“, ora s`interverrà anche sulle tariffe: “Tutto ciò che rientra nella competenza del governo sarà fatto“ ha detto. E considerato che le possibilità di manovra del governo sulle tariffe riguardano le Poste (dove il blocco è già in atto) ed essenzialmente l`acqua, i biglietti ferroviari e l`energia i probabili campi d`azione sono dunque presto delimitati (per l`energia, in particolare, si punta sulle possibilità di risparmio garantite dal ruolo dell`Acquirente unico e sulla ridimensionamento della posizione dominante dell`Enel).

Per quanto riguarda l`altro fronte aperto da SinIscalco – quello di una moratoria sulle commissioni e sulle spese per il conto corrente – dall`Abi arriva la conferma delle trattative in corso. L`associazione ci tiene a sottolineare che il costo per la tenuta di un conto, in media, si aggira sui 118 euro l`anno, non 520 come dicono i consumatori. Quanto al patto anti-inflazione: “Le singole banche valuteranno le considerazioni del ministro nella loro autonomia d`impresa -sottolinea l`associazione – Tuttavia un congelamento dei prezzi non può non tener conto della natura dei servizi e dei beni interessati, dunque anche se limitato ad un periodo di tre mesi, deve essere valutato nell`ambito delle strategie commerciali“. Il Tesoro, in realtà, per le banche chiede una moratoria per tutto il 2005, non di tre mesi.

Per l`Intesaconsumatori, comunque sia, non vi sono molti dubbi: “serve un tavolo che coinvolga tutti“. Scettico Pierluigi Bersani, responsabile economico dei Ds: “Ogni giorno Berlusconi fa crescere la confusione. Si bloccano prezzi già fermi e si annunciano blocchi generalizzati delle tariffe. Di questo passo, mentre si promette di rimettere il dentifricio nel tubetto, si carica in realtà la molla di una possibile impennata di prezzi e tariffe dall`inizio del prossimo anno“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this