22 Gennaio 2019

Lega e 5 Stelle litigano anche su Luxuria in cattedra

ROMA L’ OMOFOBIA diventa un nuovo terreno di scontro nel governo. Con i grillini che difendono Vladimir Luxuria, attaccata dalla Lega (ma non solo) per aver spiegato «come si diventa un trans» ai bambini, durante il programma di Raitre Alla Lavagna che, tra gli altri, ha ospitato anche Matteo Salvini e Danilo Toninelli. L’ ex parlamentare, però, non ci sta. «Non ho fatto alcuna lezione su come si diventa trans perché anzi ho cercato di spiegare che si nasce gay o trans. Ho parlato soprattuto di bullismo. Ma queste polemiche dimostrano che i bambini sono molto più avanti di certi adulti». Nel programma, Luxuria veniva interrogata dagli alunni di una classe di bambini dai 9 ai 12 anni. «Questo programma – ha confessato Luxuria – è stata una delle cose più belle che ho fatto nella mia vita. I bambini erano vigili, curiosi, attenti e pieni di domande. E io, come faccio anche nella vita quotidiana, ho risposto a tutto, con tatto e credo con intelligenza». E proprio sui media l’ ex parlamentare è stata subissata di critiche e «commenti – ha svelato lei stessa – da cui trapela che, in fondo, se sei gay o trans ti meriti una vita infelice e magari pure gli insulti o le botte. Ma io spero in mondo migliore». A chiedere l’ intervento della vigilanza Rai, ci ha pensato il senatore leghista Simone Pillon, vice presidente della Commissione parlamentare per l’ infanzia e l’ adolescenza. «È inaccettabile dare lezioni di gender a una classe di bambini. Luxuria vada a raccontare le ‘favole dell’ uccello’ da qualche altra parte. Questo non può lasciarci indifferenti: presenteremo un’ interrogazione in Commissione vigilanza Rai». DI CONTRO Vincenzo Spadafora, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità, ha riferito che «l’ unica cosa che trovo surreale è continuare ad avere atteggiamenti omofobi e culturalmente regrediti, che non tengono conto della realtà e del rispetto dei diritti di tutti. Penso che la Rai abbia fatto molto bene e che occasioni del genere vadano sostenute». Contro Luxuria anche i presidenti di Pro Vita e Generazione Famiglia secondo i quali l’ ex parlamentare ha «indottrinato i bambini» con «lezioni sul cambio di sesso: si vergogni lei e anche la Rai» e il Codacons, secondo cui «sesso e sovranismo» andrebbero spiegati dai docenti, non dai politici. Ma i social hanno apprezzato il coraggio di Luxuria che, su Twitter, ha incassato parecchi commenti positivi. Elena G. Polidori © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox