31 Luglio 2020

Le tre facce della Meloni per ottenere consenso

Aun certo punto, in era ante-pandemia, quando non avevamo niente di serio a cui pensare, è diventato di moda elogiare Giorgia Meloni. Non lo facevano solo Rita dalla Chiesa e il Codacons, con le solite motivazioni (“Porta avanti i veri valori; conosce i problemi di Roma”), ma anche Le Monde, il giornale parigino della borghesia illuminata (“È dotata di un tasso di simpatia record”), e gente di sinistra: per Bertinotti “è corretta e leale”, per Roberto Vecchioni “è più a sinistra di Renzi” (e ci voleva poco), per l’ archistar Fuksas “la coerenza di Giorgia Meloni è unica, è una persona profondamente legata al suo popolo”, quasi che elogiare la Meloni fosse diventato un distintivo di sciccheria da parte di gente talmente serena ideologicamente da potersi permettere di apprezzare una che condivide le idee di Ignazio La Russa, purché fosse contro il governo. Chissà cosa pensano, i fan, della performance che ha visto impegnata Giorgia alla Camera durante il voto per la proroga dello stato di emergenza, quando si è fisicamente trasfigurata, passando dall’ immagine della sovranista popolana che capta gli umori del mercato della Garbatella e li porta nel palazzo del potere (a volte anche con derive un po’ così, coi toni della sora Giorgia che consiglia la fettina migliore al bancone macelleria), a quella furente e incendiaria della oppositrice che lancia l’ allarme per la “vera e propria deriva liberticida” che “il governo ha messo in campo con la scusa del coronavirus”. L’ allocuzione di Giorgia est omnis divisa in partes tres: 1) Accusa al governo di voler prorogare lo stato d’ emergenza per fare cose nocive e/o favori a non precisate entità: per esempio, per “consentire alla Azzolina di buttare qualche centinaio di milioni euro in banchi a rotelle con cui gli studenti potranno giocare all’ autoscontro”, tasto molto battuto sui social; rovinare il turismo; costringere commercianti e imprenditori a chiudere. Non c’ è chi non sappia, ormai, che lo stato di emergenza non ripristina il lockdown, ma è un assetto istituzionale e logistico dello Stato che si prepara a fronteggiare ogni evenienza. In questa fase del discorso Meloni è caricata a pallettoni, mischia un po’ di Cassese e un po’ di Agamben, ma non si sa quanto ci creda ella stessa. 2) Accusa al governo di volere poteri speciali per stare “abbarbicato alla poltrona”: in base a questo assunto, Meloni chiede elezioni subito, anche se ci sono state due anni fa. Peraltro giusto un anno fa Salvini provò a “capitalizzare il consenso” (cit. Conte) chiedendo i pieni poteri e le elezioni sulla base di quei sondaggi di cui oggi entrambi, siccome ora premiano Conte, disconoscono l’ attendibilità (e si sa in che stato si aggira oggi Salvini per l’ Italia). in questa fase Meloni tiene la mano in tasca, minacciosa e blasé. Non si respira nessun sentimento autentico verso “gli italiani”: è pura guasconeria. 3) Accusa al governo di aver fatto in 5 mesi cose che non c’ entrano con la pandemia: dalla lotta contro l’ omofobia (“Che, adesso il Covid aumenta i casi d’ intolleranza verso gli orientamenti sessuali? ‘N c’ entra niente!”), alla sanatoria degli immigrati. Questo passaggio serve a ribadire i puntelli di Fratelli d’ Italia, ad assecondare l’ intolleranza quasi epidermica di certi elettori verso immigrati e gay, ciò che fa dire agli ammiratori di Giorgia che ella ha i valori ed è coerente. Il climax è raggiunto con l’ anafora di “Con quale faccia?!” ripetuto 5 volte, in cui si mischia tutto, le multe ai commercianti. gli inseguimenti coi droni, i “clandestini che violano i nostri confini” e poi vanno “a zonzo violando la quarantena”. Al di là del merito politico, ci si chiede com’ è successo che una ex missina e ministra di Berlusconi, ammiratrice devota di Almirante, abbia guadagnato una stima trasversale. Forse è stato anche per via delle parodie “simpatiche” che di lei sono state fatte sui social e nei programmi di satira Tv, con la messa in burletta del suo stile oratorio tra battaglia di Lepanto e televendite di Wanda Marchi, che Giorgia è diventata pop. Meloni ha marciato su questa popolarità e, mentre la sua faccia sui manifesti ringiovaniva, lei politicamente invecchiava, accontentandosi di scavarsi una nicchia di schiettezza popolana in contrasto con la torva facies da questurino del citofonatore. Adesso che egli è bastonato dai suoi numerosi guai, è lei a fare la faccia truce. Sotto Covid la destra ha perso il treno, non ha saputo farsi carico dell’ istanza di protezione degli italiani, e mentre Salvini si è rifugiato nella negazione della realtà e nella libertà di contagio, alla Meloni, che la mascherina la indossa perché sa che c’ è un’ emergenza, è rimasto questo impopolarissimo spicchio di mercato, inteso per una volta in senso elettorale (fermo restando che farebbe bene a tornare in quello rionale, dove scoprirebbe che tra le paure dei cittadini non c’ è la deriva liberticida).
daniela ranieri

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox