8 Giugno 2010

“Le telecamere interne? Spente da mesi”

• nocera inferiore. Non appena sono giunti all’ Umberto I la prima cosa che hanno chiesto sono stati i filmati delle telecamere dell’ impianto di videosorveglianza interno all’ ospedale; ma gli inquirenti, a caccia di un frammento, di un’ immagine della donna che poco prima aveva rapito un neonato hanno dovuto loro malgrado arrendersi di fronte alla triste realtá: l’ impianto era fuori uso da tre mesi. A confermarlo il direttore amministrativo dell’ ospedale, Maurizio D’ Ambrosio: «All’ Umberto I – ha detto – esiste un impianto di videosorveglianza, che però non è attivo da tempo». La rapitrice del neonato, ha osservato il responsabile del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ Umberto I, Gaetano Vitagliano, è entrata «durante l’ orario di visita», e l’ ospedale «non è un carcere». • Cosa abbia provocato il black out di immagini e registrazioni video lo dovrá appurare la magistratura: lo ha chiesto ieri il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. «Se davvero, come sembra – dice Rienzi – le telecamere di controllo erano disattivate, allora la procura dovrá verificare di chi è la responsabilitá di tale grave disservizio». «Fa rabbia pensare – conclude il presidente del Codacons – che se le stesse telecamere fossero state regolarmente funzionanti, come ci si aspetta in qualsiasi ospedale, questo grave episodio si sarebbe potuto evitare». • Ma gli inquirenti non demordono: carabinieri e polizia hanno esaminato i filmati ripresi da telecamere collocate lungo alcune strade nelle vicinanze dell’ ospedale di Nocera nel tentativo di individuare l’ auto a bordo della quale sarebbero state viste le due donne con il neonato appena rapito. Gli investigatori stanno esaminando in particolare le vetture transitate in zona nell’ orario del sequestro.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox