14 Giugno 2017

“Le responsabili sono le compagnie petrolifere”

Luca Ungaro, lei è vicepresidente esecutivo di Autostrade per l’ Italia e responsabile delle aree di servizio: i gestori degli impianti dicono che sia colpa vostra se la benzina in autostrada costa di più e costa troppo… «Noi facciamo le gare per le assegnazioni delle aree di servizio direttamente con le compagnie petrolifere. Sono loro poi, eventualmente, che le danno ai gestori». Il presidente di Figisc dice che voi intascate 12-13 centesimi per ogni litro di benzina venduto sulla vostra rete. «Il nostro dato è diverso. Nell’ ultimo biennio 2015-2016 abbiamo rinnovato i contratti con il 75% delle aree. Oggi le royalties valgono il 4% del prezzo al litro». Sono le compagnie che offrono di più durante le vostre aste per accaparrarsi la singola area di servizio? «Le compagnie offrono royalties che sono in linea con gli altri punti vendita. Devono ovviamente trovare un equilibrio tra offerta e quanto puoi guadagneranno. Non avrebbe senso offrire troppo». Però rimane troppo distante il prezzo tra benzina offerta in autostrada e quella venduta nelle altre aree di servizio. Perchè? «I differenziali alla pompa si stanno abbassando. Il Codacons farà comunicazioni sui prezzi nelle aree di servizio allineate con la rete stradale normale». Non sono troppe le aree di servizio? «Sono 24 mila. Andrebbero ridotte a 15 mila. Nel 2015 c’ è già stato un ridimensionamento. Sull’ intera rete autostradale sono state chiuse 30 aree di servizio e 15 sulle nostre reti. Ma le aree di servizio sono una ricchezza per l’ utente. È vero che ce ne sono di più che in altri Paesi europei, ma questo garantisce una migliore assistenza. In media c’ è un’ area di servizio tra un casello e l’ altro». [F.Pol.] BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.
f.pol.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox