1 Febbraio 2008

Le mani della calcestruzzi sul ponte

Se il ponte sullo Stretto fosse stato realizzato, il cemento sarebbe stato quello della Calcestruzzi. E con tutta probabilità quello “taroccato“, lo stesso che veniva fornito in Sicilia a tutte le aziende impegnate in lavori pubblici, in modo da mettere da parte quei fondi neri che servivano a pagare Cosa nostra. Così racconta ai magistrati della Dda di Caltanissetta, che l`altro ieri hanno fatto scattare le manette ai polsi dell`amministratore delegato Mario Colombini e disposto il sequestro di tutta l`azienda, il “pentito“ dell`inchiesta, l`ex dipendente Salvatore Paterna. “La Calcestruzzi Spa aprì l`impianto di Messina in previsione della costruzione del ponte sulla stretto; del resto Impregilo ex Girola spa ha sempre lavorato con la Calcestruzzi“. Il Codacons, l`associazione in difesa dei diritti dei consumatori, ha annunciato querela contro la Calcestruzzi ipotizzando una class action. Analoga denuncia verrà presentata contro quanti abbiano rilasciato pareri, nulla osta, autorizzazioni in violazione della legge.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox