29 Maggio 2020

Le imprese Morale a terra : in Italia crolla l’ indice di fiducia

più pessimisti servizi, commercio e costruzioni, flessione meno marcata per la manifattura
3ROMA Morale a terra per le imprese italiane. L’ abbattimento causato dal Coronavi rus si ritrova anche nelle cifre dell’ Istat sul clima di fiducia. L’ umore è nero anche per le famiglie, anche se l’ indicatore non sprofonda. Ma va registrata una forte richiesta del Reddito di Emergenza, con quota 100mila richieste raggiunta in una manciata di giorni. Per le aziende l’ indice segna il livello più basso da sempre. Un minimo storico, mai registrato da quando è iniziata la serie statistica, ovvero dal 2005. Un dato pesante, che fa registrare un dimezzamento rispetto ai valori pre -pandemia. E la rilevazione si riferisce a maggio, mese che ha segnato la fine del lockdown. Non è possibile però fare il confronto con aprile e quindi capire se almeno rispetto a un mese di blocco totale una qualche, seppur minima, risalita ci sia stata. La casella di aprile è vuota e così resterà. Non a caso. In quel periodo l’ Istituto di statistica si è trovato a dover interrompere le indagini proprio per via del virus. Che sia stato un aprile horribilis ce lo dice tutto il resto, incluso il commercio estero extra Ue, con l’ export precipitato del 44,2%. Il peggior calo dalla nascita del mercato unico. Era il 1993. Scendono anche gli acquisti ma non come le vendite. Per esempio cresce l’ import di «manufatti di materie tessili e, in particolare, di dispositivi e indumenti di protezione». Il pensiero va a mascherine e camici. A rimetterci è la bilancia commerciale, che vira in rosso, anche se per ora il disavanzo si ferma a 148 milioni. Ma eravamo sopra di 3 miliardi giusto ad aprile dell’ anno scorso. Anche per i consumatori, per le famiglie, l’ umore è nero, ai minimi da fine 2013, ma sembrano tenere, non sprofondando nella disperazione. Ad angosciare è quel che succede fuori dalla porta di casa, gli andamenti economici del Paese nel suo complesso, più che le situazioni singole, individuali. I timori poi sembrano più sull’ oggi che sul domani. Come a dire: «andrà tutto bene». Confcommercio giudica «verosimile» una ripresa della fiducia mese su mese ma resta la preoccupazione per settori come il turismo. Impensierisce pure l’ accumulo generalizzato delle scorte. I magazzini sono ritenuti sufficientemente equipaggiati. Soprattutto davanti a una domanda che a confronto con il passato non può che essere debole. La cosa potrebbe rappresentare un ulteriore freno alla produzione. Per Confersercenti c’ è solo un aggettivo per definire le stime dell’ Istat: «allarmanti». Da qui l’ appello dell’ associazione: «Serve una svolta». Intanto i consumatori del Codacons raccomandano ai commercianti di fermare i rincari e cancellare le «tasse Covid». A suggerire che magari degli spiragli possano aprirsi sono i numeri di Bruxelles. Lo stato d’ animo economico, il cosiddetto sentiment , a maggio mostra i primi segni più. L’ indicatore sale in Olanda e Germania. Non va invece in Francia, dove le ultime stime danno una disoccupazione in fortissimo aumento. Sul fronte lavoro in Italia non ci sono ancora, a livello di statistiche, cifre che diano un riscontro preciso degli effetti della pandemia. Bisognerà aspettare i primi di giugno. Stando però alle previsioni dell’ Istat, la sospensione delle attività nei mesi di marzo e aprile si tradurrà in una riduzione dell’ occupazione, che a fine anno conterà quasi 400 mila posti in meno.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox