6 Maggio 2014

Le famiglie tornano a spendere, ma poco

Le famiglie tornano a spendere, ma poco

ROMA – Le famiglie italiane sembrano avere ritrovato la fiducia per allentare i cordoni della borsa, tenuti ben stretti durante tutta la crisi. La risalita dei consumi resta però timida, con l’ Istat che prevede un aumento di appena lo 0,2% nel 2014. La ricomparsa del segno più ha tuttavia un valore simbolico, ponendo fine a una sfilza di ribassi lunga 3 anni. Le stime primaverili dell’ Istat sulle prospettive del Paese pur registrando un’ inversione di rotta restano quindi caute, con l’ Istituto che avverte come il bonus di 80 euro in busta paga abbia sì un «effetto positivo», ma ancora «minimo». D’ altra parte c’ è tanta strada da fare per recuperare quanto perso sotto i colpi della recessione. Una mano arriva dalla bassa inflazione che, combinata a un aumento del reddito, ridà fiato al potere d’ acquisto, pronto a superare la soglia dello zero dopo una fase depressiva durata 6 anni. Piedi puntati sulla situazione attuale, stando ai contenuti del Def, e sguardo alzato sul futuro, l’ Istat prevede un aumento della spesa dello 0,2% per quest’ anno, dello 0,5% per il prossimo e dell’ 1% per il 2016. Tutte cifre che hanno la loro ripercussione sull’ andamento dell’ economia generale. Ma, sottolineano a via Cesare Balbo, la spinta non è tanto originata della ripresina sul fronte consumi, quanto del ritorno agli investimenti da parte delle imprese. Tanto che l’ Istituto parla di utilizzo degli impianti vicino ai livelli pre-crisi. Sempre in mattinata sono state diffuse le stime della Commissione europea, che in linea con l’ Istat, scrive: «Le famiglie aumenteranno i consumi e consolideranno i risparmi anche grazie al taglio del cuneo fiscale». Sul punto il responsabile ad interim degli Affari economici, Siim Kallas , precisa come gli 80 euro avranno un «effetto neutrale» nel breve periodo, ma l’ impatto diventerebbe «positivo» nel lungo termine «se sarà finanziato» migliorando «l’ efficienza della spesa». Da Bruxelles il ministro dell’ Economia, Pier Carlo Padoan , chiarisce come le misure richiedano tempo, ma, sottolinea, «la direzione è giusta». Solo ieri il titolare di via Venti Settembre, parlando di un bonus permanente, aveva specificato che le coperture sarebbero giunte proprio dalla Spending Review. Ma c’ è chi è più ottimista sui riflessi del provvedimento, come Federconsumatori e Adusbef. E giusto sabato scorso il Censis aveva calcolato un aumento della spesa di 3,1 miliardi, a fronte di un introito stabile nel tempo. Per il Codacons non c’ è da entusiasmarsi per un +0,2% nei consumi, visto che coincide con la precedente stima dell’ Istat, ma a ben vedere è una delle poche variabili rimaste inalterate, mentre quasi tutto resto è stato rivisto in peggioramento.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox