28 Dicembre 2002

Le categorie: «Perdite forti nel settore abbigliamento»

«A Natale abbiamo speso tutti un po` meno e i consumi sono scesi soprattutto a Savona, mentre negli altri centri della provincia la flessione si è sentita meno». Vincenzo Bertino, presidente della Confcommercio afferma di «non avere ancora i dati ufficiali» sull`andamento dello shopping natalizio, ma le proiezioni già in suo possesso sembrano sufficienti a confermare le rilevazioni del Codacons che parlano di una media del venti per cento in meno nelle vendite rispetto allo stesso periodo del 2001.
«In realtà – aggiunge Bertino – sono stati fatti meno regali inutili, si è puntato maggiormente sulla qualità: nelle Feste, insomma, non c`è stata quella tendenza all`eccesso che si riscontrava fino a qualche anno fa. E i prezzi non mi sembra abbiano provocato particolare allarme: molti listini al dettaglio sono stati ritoccati solo in base all`inflazione. Se siamo diventati più“risparmiatori“è forse per qualche paura per l`immediato futuro, per la modifica delle abitudini che abbiamo sbito un po` tutti a causa dell`euro. E allora qualche taglio nelle spese familiari c`è stato, poi largamente recuperato negli ultimi giorni prima di Natale».
Due momenti significativi per il commercio sono il pranzo di Natale e il cenone di Capodanno. E quest`anno, sotto la lente sono finiti proprio i prezzi dei generi alimentari, anche i più comuni. «Anche in questo io vedo la stessa prudenza: per il pranzo di Natale, pur senza esagerare troppo nei cibi e nelle bevande, non abbiamo rinunciato a nulla di essenziale. E a San Silvestro ci sarà la caccia alle prenotazioni nei ristoranti, anche se al momento è ancora presto per fare previsioni».
Meno diplomatico è Bruno Suetta, segretario provinciale della Confesercenti. «I consumi prenatalizi – dice – hanno avuto un tracollo soprattutto nel settore non alimentare. Ad esempio l`abbigliamento ha attirato il grosso pubblico solo di fronte a promozioni a basso prezzo, mentre il comparto-moda, ossia quello dei capi più costosi, è stato praticamente disertato dai clienti. Per il pranzo di Natale il calo negli acquisti è stato contenuto nonostante i prezzi generalmente in aumento per le verdure e i crostacei, che sono alla base di molte pietanze del periodo. Un po` più di prudenza mi sembrano contenere i prezzi dei cenoni di Capodanno, con ritocchi generalmente lievi rispetto all`anno scorso. E, se le previsioni sugli arrivi turistici saranno confermate, ciò potrebbe essere un buon biglietto da visita per la Riviera savonese».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox