12 Marzo 2012

Le banche italiane continuano a concedere meno prestiti sia alle imprese che alle famiglie

Le banche italiane continuano a concedere meno prestiti sia alle imprese che alle famiglie

   (Sesto Potere) – Secondo i dati di Bankitalia le banche italiane continuano a concedere meno prestiti sia alle imprese che alle famiglie, nonostante nel mese di dicembre 2011 abbiano incassato dalla Bce la bellezza di 116 miliardi all’1%.  
A gennaio, infatti, il tasso di crescita sui dodici mesi dei prestiti al settore privato  è sceso all’1,6% dal 2,3% di dicembre 2011. I prestiti alle società non finanziarie calano all’1,3% dal  2,6%, mentre il tasso di crescita dei prestiti alle famiglie flette al 3,1% dal 3,4.
Tutto ciò nonostante il tasso di crescita sui 12 mesi delle sofferenze bancarie sia diminuito a gennaio al 18,9% rispetto al 19,5% del mese precedente.

“In pratica le banche continuano a darti l’ombrello quando c’è il sole e a togliertelo quando piove: si fanno prestare i soldi ma poi li utilizzano per operazioni finanziarie speculative e non certo per fare economia reale”: secondo il Codacons che commenta: “è una vergogna”.
L’associazione di consumatori ricorda che per accertare come siano spariti i soldi prestati della Bce, sia quelli di dicembre che di febbraio (139 miliardi di euro), ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this