fbpx
3 Novembre 2004

LATTE IN POLVERE: SIRCHIA DIMOSTRA CHE I PREZZI IN ITALIA POSSONO SCENDERE

LATTE IN POLVERE: SIRCHIA DIMOSTRA CHE I PREZZI IN ITALIA POSSONO SCENDERE, SMENTENDO BERLUSCONI E MARZANO SI INTERVENGA ADESSO SUI PREZZI DEGLI ALTRI FARMACI, SU QUELLI DEGLI ALIMENTARI, SU RC AUTO E TARIFFE BANCARIE





Il sistema economico italiano sta cambiando. Mentre infatti il Premier Berlusconi e il Ministro delle attività produttive Marzano, di fronte ai numerosi appelli di Intesaconsumatori, hanno sempre affermato che sui prezzi non si può intervenire, il Ministro della Salute Sirchia, sotto le forti pressioni delle associazioni dei consumatori, in pochi giorni è riuscito a far scendere il prezzo dei vaccini e del latte in polvere.

Tale situazione – afferma Intesaconsumatori ? dimostra due cose: la prima è che i prezzi in Italia, in determinati settori (come quello dei farmaci) sono stati mantenuti negli anni artificialmente elevati , sottraendo miliardi ai consumatori. La seconda è che palesemente vi sono ampi margini per ridurre i prezzi, come evidenziato da Sirchia.

Per questo ADOC, ADUSBEF, CODACONS e FEDERCONSUMATORI chiedono oggi di applicare interventi simili sia sul prezzo di altri farmaci, come Aspirina, Novalgina, Tavor, ecc. (farmaci i quali, in alcuni casi, costano anche il 700% in più rispetto ad altri paesi europei) sia sulle voci di bilancio che più di tutte assillano le famiglie italiane: alimentari, rc auto e tariffe bancarie.

Ovviamente ? conclude l?Intesaconsumatori ? la riduzione dei prezzi di farmaci deve avvenire senza scambi e senza aggravi di spesa per la collettività: se infatti il latte artificiale come corrispettivo della riduzione del 30%, non verrà più fornito gratuitamente negli ospedali, vi sarà un innalzamento della spesa sanitaria nazionale, con i rischio che, per rispettare i tetti di spesa, dalla Fascia gratuita escano farmaci importanti per la salute dei cittadini.



Intesa



Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox