20 Febbraio 2003

Latte, Coldiretti: un litro su tre è straniero

Latte, Coldiretti: un litro su tre è straniero



Una busta di latte su tre è confezionata in Italia, ma contiene prodotto importato dall`estero. Ma l`etichetta non lo dice.




ROMA – Sulla busta ci sarà anche scritto “prodotto in Italia“ ma in realtà non è così. Una busta di latte alimentare su tre è confezionata nel nostro Paese ma contiene prodotto importato dall`estero. ma nell`etichetta non c`è scritto. L`allarme arriva dalla Coldiretti che sottolinea che in Italia sono state importati 1,6 miliardi di litri di latte destinati con il confezionamento e la trasformazione industriale a divenire miracolosamente “prodotti italiani“, soprattutto latte ad uso alimentare ma anche formaggi e yoghurt. Una mancanza di trasparenza che allarga la fetta di mercato del “falso Made in Italy“ resa possibile – continua la Coldiretti – dalle colpevoli lacune della legislazione nazionale e comunitaria che condannano all`anonimato l`origine della materia prima agricola utilizzata negli alimenti e impediscono scelte di acquisto consapevoli da parte dei consumatori.

Il consumatore – precisa la Coldiretti – crede di acquistare un prodotto che in realtà è diverso da quello che pensa di acquistare. Sulla base delle indicazioni presenti nelle confezioni che si limitano ad indicare lo stabilimento nel quale viene effettuato il confezionamento o la trasformazione. Una situazione paradossale – conclude la Coldiretti – resa ancora più grave dalla incomprensibile mancata operatività, a sette mesi dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, del Decreto sull“`etichettatura del latte fresco“ emanato dal Ministero delle Attività produttive di concerto con le Politiche Agricole che prevede appunto l`etichettatura di origine obbligatoria per il “latte crudo“. Per il Presidente della Coldiretti, Paolo Bedoni, “dopo l`etichettatura di origine per la carne bovina e per l`ortofrutta fresca è necessario che sia resa subito obbligatoria l`indicazione in etichetta dell`origine anche del latte utilizzato in tutti i prodotti lattiero-caseari, affinchè non sia più possibile sfruttare l`immagine delle zone tradizionali di allevamento, ingannare i consumatori e danneggiare gli imprenditori agricoli nazionali con la presenza sul mercato di alimenti ottenuti con prodotti agricoli esteri non indicati in etichetta.

Sulla questione interviene anche il Codacons con un esposto alla Procura della Repubblica di Torino e di altre città italiane. L`associazione dei consumatori chiede di aprire delle indagini avvalendosi dell`intervento dei Nas. In particolare il Codacons chiede alla magistratura di accertare se sia ravvisabile o meno il reato di frode in commercio.

Per l`associazione, infatti, è ingannevole pubblicizzare un prodotto come made in Italy, quando nella realtà lo stesso prodotto viene fabbricato utilizzando anche materia prima straniera.



Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox