25 luglio 2018

L’assurda legge no vax del Movimento 5 Stelle nel Lazio: quarantena per i bambini vaccinati

 

di Mauro Munafòm L’hanno intitolata “Legge quadro di revisione del sistema vaccinale regionale” ma, a leggerla, la proposta del Movimento 5 Stelle nella Regione Lazio sembra più un manifesto dei movimenti free vax e no vax.

Sì, perché nel documento a prima firma Davide Barillari e Roberta Lombardi, come analizzato dalla testata di settore Quotidiano Sanità , si introducono tutti i temi cari alle associazioni per la “libertà di scelta” sui vaccini. Rendendo molto più burocratico e complesso, dove non addirittura umiliante, vaccinare i propri figli.

Un esempio su tutti è il secondo punto dell’articolo 11, quello che regola i rapporti con le scuole, e che prevede una quarantena di 4-6 settimane per i bimbi vaccinati con virus attenuato al fine di evitare contagi. Un punto particolarmente caro ai movimenti free vax e conseguente a una celebre bufala che da anni gira sul web, partita dalla non corretta interpretazione di un bugiardino. Bufala più volte chiarita online, qui un esempio .

Ma di elementi tanto cari al mondo free vax e no vax (una distinzione spesso troppo sottile) in questa proposta di legge se ne contano tanti.

Intanto c’è l’impostazione generale di “trattamento personalizzato” che, nelle intenzioni dei proponenti, dovrebbero garantire le buone condizioni del vaccinando nei giorni precedenti. In pratica vengono introdotte una serie di analisi obbligatorie preventive (giudicate negli anni scorsi dall’Istituto Superiore della sanità inutili) e sarà obbligatorio ricevere il nulla osta per la vaccinazione dal proprio medico nelle 48 ore precedenti alla vaccinazione. Contando le difficoltà del sistema sanitario, significa creare un ulteriore ingorgo che disincentiverà anche i più volenterosi.

Se non bastasse questo punto a smantallare di fatto l’obbligatorietà dei vaccini, ci pensa il comma 9 a chiarire che il soggetto “in caso di dubbi non dissipati durante il percorso informativo […] è libero di interrompere tale procedura in qualsiasi momento”.

Al comma 8 dell’articolo tre si prevede poi che “al fine di ridurre al minimo le reazioni avverse” le vaccinazioni “devono essere eseguite a partire dalla fine del secondo semestre di vita del soggetto”. In pratica, tranne in casi eccezionali, nessun vaccino nel primo anno di vita (l’attuale norma ne prevede dieci).

E a cancellare definitivamente il divieto di iscrizione a nidi e materne previsto dalla legge nazionale (e già messo a rischio dalla proroga della possibilità di autocertificare le avvenute vaccinazioni), ci pensa il comma 3 del già citato articolo 11: “La scuola non entra nel merito della formazione delle classi in base alle certificazioni vaccinali del soggetto, i quali vengono inseriti in base ad altri criteri di tipo non sanitario”. Si arriva così al paradosso di trovarsi il figlio umiliato e in quarantena se ha fatto i vaccini perché “rischia di essere contagioso” (bufala), mentre il suo compagno senza vaccini sta in mezzo agli altri compagnetti.

C’è poi un intero articolo, il 7, che parla di “nutrizione preventiva” e propone una serie di campagne sulla corretta alimentazione. Proposte anche condivisibili ma che, inserite in maniera del tutto gratuito all’interno di una proposta sui vaccini, sembra voler ammiccare a quella parte di associazioni che ritiene sufficiente “allattare al seno per sei mesi” per non contrarre malattie gravi come quelle per cui si viene vaccinati.

Come è chiaro leggendo il testo della norma, è forte l’influenza delle associazioni free vax e no vax. Lo stesso Barillari, primo firmatario della Legga e uno dei “paladini” della lotta all’obbligo vaccinale nel Movimento 5 Stelle, ha spiegato su Facebook che il documento è nato da un “tavolo di lavoro” con associazioni come “Gnol, Auret, Assis, Comilva, Codacons, Corvelva, Sipnei, RIP Lazio, Lov; Moige”. Come ricorda Quotidiano Sanità, Auret sostiene la correlazione tra vaccini e autismo e Corvelva è stata condannata per i manifesti terroristici sui vaccini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this