fbpx
22 Novembre 2018

L’arte come antidoto a bullismo e violenza donne

Convegno Codacons e mostra del Dipartimento Pari Opportunità

(ANSA) – ROMA, 22 NOV – L’arte per contrastare bullismo e violenza sulle donne. Questo il tema del convegno organizzato oggi dal Codacons nel corso del quale è stata illustrata la mostra sull’eros nell’arte antica diretta alle scuole di tutta Italia, realizzata in collaborazione col Dipartimento Pari Opportunità. È stato infatti presentato un importante studio a cura del professor Giovanni Serpelloni, neuroscienziato esperto di dipendenze e docente presso la University of Florida, che dimostra come violenza, sesso e arte influiscano sul cervello umano, le differenze comportamentali esistenti tra uomo e donna e la possibilità di ricorrere all’arte come terapia contro il bullismo. Il primo aspetto che emerge dallo studio è proprio quello relativo al bullismo: attraverso il ricorso alla risonanza magnetica funzionale è stato infatti appurato come i bulli abbiano funzioni psicologiche e cerebrali diverse rispetto ai soggetti che non ricorrono alla violenza, e reagiscano in modo diverso alla visione del dolore altrui provocato, dolore che stimola nel loro cervello l’area del piacere. Per quanto riguarda invece il rapporto psiche-sesso, lo studio di Serpelloni analizza le differenze comportamentali tra uomo e donna: i primi prevalentemente si comportano come “bluetooth”, ossia indirizzano l’attenzione verso una moltitudine di possibili partner, in attesa che qualcuno accetti la “connessione”; le donne, al contrario, agiscono a livello mentale come “Wi-Fi”, ossia preferiscono concentrarsi su un unico e stabile collegamento. Anche sul fronte della dipendenza esistono forti differenze tra i sessi: risulta infatti “sex addiction” 1 persona su 25; nell’80% dei casi si tratta di uomini, nel 20% di donne. Non solo violenza e sesso: anche l’arte influisce in modo evidente sul cervello umano attivando alcune funzioni specifiche. Lo studio presentato nel corso del convegno Codacons dimostra infatti come l’arte, sia eseguita che osservata a valutata, produce modiche positive nel cervello e possa essere utilizzata come terapia perché produce neuroplasticità positiva, che è la capacità del cervello di modificare la propria struttura.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox