fbpx
11 Dicembre 2007

L`accordo sulle 500 nuove licenze e sull`aumento delle tariffe ha suscitato reazioni contrastanti

L`accordo sulle 500 nuove licenze e sull`aumento delle tariffe ha suscitato reazioni contrastanti…

L`accordo sulle 500 nuove licenze e sull`aumento delle tariffe ha suscitato reazioni contrastanti. E` soddisfatto l`assessore alla Mobilità, Mauro Calamante: “E` un accordo storico, siglato da tutte le maggiori sigle sindacali. Due membri della commissione consultiva che rappresentano dei radiotaxi si sono dimessi (Laudonio del 6645 e Seghini del 5551), dimostrando di aver capito che anche questo organo necessita di una rivisitazione. Con questo accordo ci sarà un servizio migliore e più trasparenza“. Fulmini e saette dal Codacons. Il presidente Carlo Rienzi: “Si tratta di rincari folli, per un servizio insufficiente che a Roma costa più che nel resto d`Europa. I cittadini saranno pesantemente danneggiati, ricorreremo al Tar. Non escludiamo una campagna per dirottare i cittadini verso le auto delle cooperative di trasporto“. E i sindacati dei tassisti? Uno dei leader dei falchi, Loreno Bittarelli (Uritaxi e 3570): “Una follia le nuove licenze. E anche l`aumento della tariffa è apparente, non vale per gli aeroporti ad esempio. Continueremo la nostra battaglia, con forme non violente di informazione agli utenti. L`accordo porterà la firma solo di una parte della categoria“. Ieri al tavolo con Veltroni e l`assessore alla Mobilità, Mauro Calamante, si sono sedute le sigle Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Lega coop e Cna. Ma Piero Marinelli, leader dell`Ugl, a metà giornata aveva chiesto tempo. In serata anche la sua firma. Commenta Marinelli: “E` un buon accordo. Oltre a precise garanzie sulla trasparenza delle tariffe, abbiamo posto come punto prioritario l`impegno sul fronte dell`abusivismo dei noleggi da rimessa che provengono da fuori Roma“. All`incontro c`erano anche tre tassisti, scelti dall`assemblea dell`altro giorno e che dovevano svolgere il ruolo di “uditori“. Alla fine è stata concessa la parola anche a loro, che hanno osservato: “Parlate di nuove licenze, ma per noi il mese di novembre in termini di incassi è stato nero“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox