14 Marzo 2018

La voragine inghiotte il Suv è sempre più allarme asfalto

 

Lorena Loiacono
Questa volta si è andati decisamente oltre, c’è qualcosa di più di una semplice buca. Ieri, infatti, si è trattato di una vera e propria voragine che ha letteralmente inghiottito un’auto parcheggiata, fortunatamente senza nessuno a bordo. Una scena da film, quella cui hanno assistito i residenti di Monteverde la notte scorsa, quando una Dacia Duster è sprofondata nell’asfalto lungo la Circonvallazione Gianicolense all’altezza del civico 28 L’auto è stata inghiottita dalla maxi buca con l’intero lato destro, ed è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Roma per tirarla fuori, aiutati da una autogru.
Non solo, i vigili del fuoco hanno anche provveduto a mettere in sicurezza l’intera area per evitare che altre vetture facessero la stessa fine. Il cratere si è aperto tra il marciapiede e la strada. Un incidente decisamente pericoloso che va ad inserirsi in una situazione di degrado generale delle strade della Capitale. Ed ora insorgono i cittadini con tanto di manifestazione di protesta e richiesta di risarcimento danni sostenuti anche dalle associazioni dei consumatori: «Il Codacons spiega infatti il vicepresidente Giovanni Pignoloni – dà la propria adesione alla manifestazione contro le buche stradali indetta per sabato prossimo dai cittadini di Ostia: sono anni che denunciamo il degrado delle strade del X Municipio ma finora nessuno ha accolto i nostri appelli e il risultato di tanto disinteresse è lo stato pietoso di dissesto stradale cui oggi sono costretti i cittadini. L’asfalto dissestato sta provocando una valanga di incidenti, forature di gomme, e danni ad automobili e moto: per questo invitiamo i cittadini far valere i propri diritti e a chiedere il risarcimento dei danni subiti scaricando il modulo dal nostro sito».
Intanto le Assicurazioni di Roma stanno ricevendo una valanga di richieste da incidenti per buche: solo nel 2017 hanno ricevuto ben 4000 richieste di risarcimenti mentre l’Atac, alle prese con strade dissestate, è costretta a bloccare le corse dei bus: una trentina le linee sospese per dissesto del manto stradale. Una situazione di piena emergenza su cui il Campidoglio sta attivando il cosiddetto Piano Marshall. Una pianificazione di interventi mirati sulle strade peggiori che poco convince, però l’opposizione: «Come abbiamo visto in questi giorni denuncia Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi in Campidoglio – il Piano Marshall della Raggi altro non era che una bella pala e un po’ di asfalto a freddo sulle buche di Roma. Salvo poi qualche intervento in alcuni tratti stradali come nel caso di viale Jonio, tanto per fare un esempio, dove però si fanno i lavori di mattina congestionando un intero quadrante. Piano Marshall? E’ solo un Piano Rattoppo».
riproduzione riservata ®

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox