4 Marzo 2011

La voce di Petrini e gli esposti del Codacons

Ancona L’agricoltura piange. Il vicepresidente Paolo Petrini scrive al ministro Galan “perché i nostri agricoltori sono annichiliti: dopo una già difficile situazione economica, ora anche questo disastroso evento atmosferico”. Per questo, Cia, Confagricoltura e Copagi chiedono subito alla Regione la convocazione di un tavolo verde che aiuti il settore. Intanto, la politica scende in campo. Il capogruppo regionale Pd presenta una proposta di mozione per chiedere lo stato di emergenza mentre il presidente della Provincia di Pesaro, Matteo Ricci, sollecita il “governo a sostenere le Marche”. In casa Pdl, il portavoce Erminio Marinelli chiede la convocazione straordinaria di un consiglio regionale. Pur avendo presentato una propria mozione, “il Pdl auspica che si giunga in aula con un documento congiunto”. Nell’attesa, il consigliere Ciriaci si dice convinta che “il Governo ci aiuterà”. Il Codacons annuncia di “aver depositato una serie di esposti alle Procure, competenti per le zone colpite da frane, alluvioni e smottamenti”: chiede di aprire indagini verso enti locali e Protezione civile “per capire se hanno fatto tutto il possibile per evitare i disastri avvenuti”, come spiega il presidente Rienzi. E mentre il parlamentare Idv, Favia, accusa il governo “di avere ancora i cordoni della borsa in mano”, il segretario Cisl, Mastrovincenzo ritiene necessario che “il Governo apra un tavolo con Regione e soggetti interessati”.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox