5 Novembre 2002

La tua scuola è sicura? Ecco come scoprirlo

La tua scuola è sicura? Ecco come scoprirlo

Una scheda diffusa dal Codacons con 54 domande sulla legge 626

Scale antincendio, vie di fuga, emergenze Comuni e Provincia in cerca di fondi per adeguare gli edifici

“Sai come comportarti in caso d`incendio, alluvione, terremoti, presenza nella scuola di uno squilibrato o malintenzionato e di emergenze varie?“. “Il personale della scuola è stato formato per la lotta agli incendi e alla gestione delle emergenze? Sa come utilizzare un estintore? Prova a chiederlo“. Sono solo due della 54 domande di una scheda di verifica approntata dal Codacons per capire se la scuola che frequentate è sicura Per procurarsi una copia della scheda basta scaricarla dal sito dell`associaione consumatori www.codacons.it L`oggetto della valutazione, che contempla anche le norme igieniche e le problematiche dei disabili, punta in particolare a far verificare direttamente agli utenti l`applicazione delle norme di sicurezza nelle scuole. Ad esempio, se le prese elettriche hanno i fori che si chiudono quando viene estratta la spina, oppure se vi sono le uscite di emergenza con i maniglioni anti panico e se sono sempre libere, sgombre, non chiuse a chiave ed apribili dall`interno con una semplice spinta. Insomma, una sorta di check up quanto mai attuale alla luce del comprensibile stato d`allerta di famiglie, alunni e docenti in seguito al terremoto in Molise. In ogni scuola, ad esempio, deve essere noto il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, e del rappresentate della sicurezza a cui segnalare eventuali inefficienze. Alunni e docenti, poi, dovrebbero conoscere il punto di raccolta per le emergenze. Quest`ultimo dovrebbe essere di per sé sicuro, cioè posto ad una distanza inferiore ai 60 metri da ogni punto della scuola con presenza di persone. Affinché sia possibile un adeguato deflusso i corridoi, le scale ed i passaggi in genere dovrebbero essere larghi minimo 120 cm. Inoltre, se l`edificio ha più piani deve esserci la scala esterna antincendio. In provincia di Salerno c`è ancora molto da fare per garantirequesti standard di sicurezza. A confermarcelo è l`assessore provinciale alla pubblica istruzione Pasquale Stanzione: «Su 162 plessi di competenza dell`Amministrazione provinciale solo il 60%è a norma. Abbiamo tempo fino al 31 dicembre 2004, ma è bene che si sappia che non ci riusciremo se il Governo non stanzia le risorse necessarie. Solo noi abbiamo bisogno di oltre 150 milioni di euro e non sappiamo dove reperirli. Non ha senso parlare di sicurezza se poi non si stanziano le risorse per garantirla». Anche per il Comune di Salerno l`adeguamento degli edifici scolastici alle normative di sicurezza è solo un problema di risorse finanziarie. «Abbiamo già tutti i progetti esecutivi – spiega l`assessore Guerra – e con il concorso di risorse aggiuntive potremmo rispettare la scadenza di dicembre 2004. Molto è stato già fatto per le scuole cittadine, in quanto laddove abbiamo effettuato la manutenzione straordinaria gli edifici sono stati adeguati anche alle normative di sicurezza».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox