30 Luglio 2002

La Tirrenia perde la causa contro il Codacons

La Tirrenia perde la causa contro il Codacons

Nata dopo la vicenda delle 20 ore di navigazione della Nomentana




SASSARI. Il Codacons ha avuto ragione della Tirrenia che aveva chiesto un miliardo di risarcimento per danni all`immagine. La compagnia di navigazione è stata infatti condannata dal tribunale di Roma a pagare 10.500 euro di spese all`avvocato Giuffrida, ex presidente nazionale del Codacons, per aver perso la causa della «Nomentana».
I fatti risalgono al gennaio del 1999. Il 17 di quel mese gli 800 passeggeri della motonave in rotta da Porto Torres a Genova furono costretti a trascorrere 20 ore a bordo perché l`imbarcazione era partita con un solo motore funzionante. Con un esposto-denuncia alla procura della repubblica di Sassari, Giuffrida, allora presidente nazionale dell`associazione dei consumatori, aveva informato l`autorità giudiziaria delle proteste dei passeggeri, per lo più sardi, per l`assenza di tempestiva informazione e, soprattutto, per i possibili rischi di una navigazione con un solo motore in funzione. La Tirrenia aveva ribattuto all`iniziativa del Codacons – che per la prima volta in Italia aveva attivato la speciale procedura di conciliazione davanti la Camera di Commercio di Sassari per il pagamento dei danni subiti dai passeggeri – con una citazione in giudizio del presidente nonché del Codacons e la causa venne proposta dinanzi al tribunale di Roma. «Insomma – dicono i responsabili dell`associazione dei consumatori – una sorta di “legittima suspicione“ applicata preventivamente per evitare il rischio di un giudizio che si poteva immaginare condizionato nei confronti della compagnia di navigazione se si fosse svolto in Sardegna».
Adesso è giunta la sentenza che respinge la richiesta miliardaria di risarcimento del danno e condanna la Tirrenia a pagare all`avvocato Giuffrida e al Codacons oltre 20 milioni di vecchie lire per le spese di giudizio avendo dichiarato del tutto legittimo il ricorso del Codacons alle procedure conciliative.
Giuffrida ha dichiarato: «Non ho mai avuto dubbi sull`esito del giudizio, data l`assoluta inconsistenza e temerarietà delle argomentazioni della Tirrenia. Resto fermamente convinto che l`azione giudiziaria avesse un altro fine: quello, cioè, di intimidire – con una richiesta miliardaria di risarcimento – le azioni del Codacons nei confronti della Tirrenia».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox