fbpx
19 Settembre 2018

La tassa occulta dei sacchetti “bio” costa 90 euro l’ anno

le buste biodegradabili dovevano costare 1-2 centesimi ma nella grande distribuzione il prezzo oggi è decuplicato
Antonio Galdo/ roma Avevano promesso: non sarà una stangata. Aggiungendo, per indorare la pillola, che l’ innovazione costa, ed è giusto che a pagare il conto siano anche i consumatori. Ma a distanza di quasi nove mesi dall’ entrata in vigore della legge che impone l’ acquisto dei bioshopper viene fuori tutta un’ altra verità. Il conto è molto più salato di quanto annunciato, considerando i due estremi della forchetta di previsioni, la più bassa firmata da Gfk Eurisko (circa 12 euro all’ anno) e la più alta di Codacons (non meno di 20 euro). E pagano solo i consumatori, mentre per le aziende, innanzitutto i produttori dei sacchetti e le catene della grande distribuzione, il bioshopper obbligatorio si sta rilevando un gigantesco affare. Con una bella torta da dividere: in Europa circolano ogni anno 100 miliardi di buste per la spesa usa-e-getta, e l’ Italia è ai primi posti della classifica per consumo pro-capite. Che cosa sta accadendo? Si stanno verificando diverse anomalie, a partire dall’ enorme differenza delle tariffe applicate dalle varie catene di supermercati. Il costo medio del bioshopper ritirato alla cassa è di 10 centesimi, l’ importo addizionale applicato per esempio da Esselunga e Auchan, mentre i due colossi delle cooperative oscillano da 8 centesimi di Coop ai 15 di Conad. Siamo già a valori infinitamente superiori agli annunci iniziali, quando si parlava di un extra tra 1 e 3 centesimi, solo per le buste per frutta, ortaggi e verdure. In pratica, il consumatore paga a caro prezzo due contenitori biodegradabili, e la conferma di questa ingiustificata stangata nel settore alimentare arriva dal costo del bioshopper in altre categorie commerciali. Qui davvero non si va oltre 1 centesimo a sacchetto, pur trattandosi di contenitori consistenti, come nel caso delle catena Cisalfa (abbigliamento per sport e tempo libero) e Euronics (elettronica di consumo). Come mai tanta differenza tra il bioshopper per una confezione di yogurt e quello per un cellulare o per un paio di scarpe da ginnastica? D’ altra parte, su Amazon, che certo non vende senza margini, una confezione di 500 bioshopper si paga, senza spese di spedizione, 10.41 euro, pari a 2 centesimi a sacchetto. La sensazione che si ricava è chiara: la grande distribuzione nel settore alimentare sta cavalcando una legge scritta male, e molto favorevole agli interessi delle catene dei supermercati, per creare un nuovo rubinetto di ricavi e di profitti, laddove la curva dei consumi resta piatta, o negativa, e i margini di guadagno sono diventati molto stretti. Una precisa strategia di mercato in tempi duri, infiocchettata da stentorei proclami a favore dell’ ambiente, al limite del greenwashing. Il caso della Conad è da manuale. Il suo bioshopper da 15 centesimi si presenta con una serie di scritte che dovrebbero giustificare il prezzo così alto. Si parla di «un sacchetto ideato e prodotto in Italia», come se il marchio made in Italy fosse un sinonimo di aumento dei prezzi per il consumatore. Si certifica che il prodotto è «completamente biodegradabile e compostabile»: ci mancherebbe, in caso contrario sarebbe fuori legge. E si espone, come se fosse una certificazione di genuina sostenibilità, il logo di Legambiente, la più potente associazione ambientalista italiana: un tutoraggio retribuito o a titolo gratuito? La conclusione, tornando alle nostre tasche, è che questi bioshopper nell’ alimentare si traducono in una spesa annua attorno ai 50 euro, se poi aggiungete il costo delle buste per frutta, verdura e ortaggi, e il prezzo pagato per altri acquisti (anche nelle farmacie ormai è frequente il «pedaggio» del sacchetto biodegradabile), si arriva a un conto annuo di circa 90 euro. L’ equivalente del canone Rai, ovvero una tassa bella e buona. Infine, poiché il consumatore non è stupido, la febbre dei bioshopper si sta trasformando in vero boomerang per lo Stato e per gli interessi generali dei cittadini, e il rischio inquinamento da plastica per contenitori di prodotti alimentari invece di diminuire sta aumentando. Dall’ entrata in vigore della legge, infatti, gli acquisti di ortaggi, frutta e verdura sfusi sono crollati del 7,8 per cento, mentre quelli degli stessi prodotti in vaschette di plastica sono aumentati dell’ 11 per cento. Peccato che si tratti di confezioni di plastica pura, non biodegradabile e non compostabile. – BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox