fbpx
31 Marzo 2018

La spesa per uova e colombe intorno ai 200 euro a famiglia

sul mercato fanno breccia i prodotti biologici e vegani
È una tradizione che resiste nel tempo: a meno di 48 ore dal giorno di Pasqua, le uova di cioccolato con dentro la sorpresa (assieme alle colombe) riempiono le buste della spesa. Ma quanto spendono in media le famiglie per donare un dolce, una sorpresa e un sorriso ai più piccoli, ma anche ai più grandi, di casa? «Nel complesso circa duecento euro – afferma la signora Federica Spampinato, che ha pensato anche agli adulti -. Per la circostanza, oltre alle uova si comprano anche ovetti, colombe. La tradizione ha ancora un valore». «Ogni anno penso sia ai grandi che ai piccoli – dice Ettore Longo, che ha riempito due carrelli con le leccornie della Pasqua – per non fare venire meno quella che, ormai, è un’ abitudine consolidata all’ interno della mia azienda. Sono contento quando rendo felice gli altri. C’ è gioia anche nel donare». Carrello che va, uova di Pasqua che trovi, ma l’ occhio resta vigile sui prezzi, come quello della signora Rita Muttarosso: «Penso ai nipoti e ai figli, anche se grandi. Qualche anno fa potevo spendere di più negli acquisti dolciari, oggi provo a non superare la soglia di cento euro. Occorre festeggiare comunque. Pasqua ci riporterà bambini per un giorno». Eliane Borges, invece, ha impiegato parecchio tempo all’ interno di un supermercato perché «è stato difficile scegliere tra le varie uova – afferma – e i miei figli, Marisol e Federico, non avevano le idee chiare. Sebbene si cerchi di contenere i costi, pensando a tutti e risparmiando sulle marche, si spende sempre più del dovuto e alle uova non si può proprio rinunciare. Ma si sa, ai bimbi interessa per lo più la sorpresa e il cioccolato lo useremo per fare dolci». Qual è, dunque, la forbice dei prezzi delle uova di Pasqua? Secondo un monitoraggio del Codacons sui listini al dettaglio dei principali prodotti pasquali, non c’ è alcun aumento dei prezzi, che nei supermercati variano tra i 7,90 e i 9,90 euro per un uovo da 150 grammi tra le principali marche, mentre per quello da 220 grammi si spende tra i 12 e i 14 euro. Si tratta di listini sostanzialmente in linea con quelli dello scorso anno e che non risentono di particolari rincari. Nel comparto dolciumi, però, fanno irruzione uova e colombe biologiche e vegane, sempre più in voga tra i consumatori, che richiedono una spesa maggiore rispetto ai prodotti tradizionali. Il costo medio dell’ uovo di cioccolato bio, infatti, varia da 14 a 16 euro, mentre la colomba vegana tra gli 11 e i 19 euro. I dolci tradizionali costano da 2 a 6 euro e anche qui l’ indicatore è il marchio. E, sebbene sia ancora presto per analizzare le vendite in termini di fatturato, la percezione degli addetti ai lavori è che quest’ anno gli acquisti abbiano superato quelli dello scorso anno, complici la varietà della merce esposta negli scaffali e il desiderio di “dolcezza” dei consumatori. «Mi piacerebbe ricevere un uovo di Pasqua – ammette la signora Silvana Garofalo – e, qualche volta, i miei figli mi hanno pensata. Ma è giusto che sia la mamma a renderli felici, sebbene abbiano più di trent’ anni». «Se qualcuno penserà a me? – si interroga la signora Annamaria Donia – Può darsi, ma ormai sono una nonna e a certe cose ci pensano i grandi».PIERANGELA CANNONE.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox