23 Febbraio 2008

La spesa per i consumi quotidiani cresce del 4,8%

La spesa per i consumi quotidiani cresce del 4,8%
Angeletti: subito una nuova politica contrattuale

Corre l`inflazione a gennaio, al 2,9% massimo dal 2001. Ma, soprattutto, spingono l`acceleratore i beni di consumo quotidiani che registrano un + 4,8%, il tasso più alto dal 1997. La rilevazione dell`Istat, che ha dedicato ai prodotti di tutti i giorni un “focus“, fa paura e rilancia, in piena trattativa sui contratti, le polemiche sul potere d`acquisto dei salari. Una spirale dei prezzi che dal 2002, quando il tasso annuo di crescita dei prodotti ad alta frequenza di acquisto era del 3,1% (2,5% la variazione dell`indice generale), è passata nel 2003 al 3,4% (2,7% l`indice generale), spingendosi nel corso del 2007, verso i record. Nella media del quarto trimestre dell`anno, rispetto al 2006, l`incremento dei prezzi è stato pari, rispettivamente, a +4% per i prodotti acquistati frequentemente e del +2,4% per l`indice generale e a gennaio 2008 la divaricazione è risultata ancora più ampia: +4,8% contro +2,9%. “Ora anche la statistica spiega perché i salari e le pensioni hanno perso potere d`acquisto – si è fatto subito sentire il leader della Uil, Luigi Angeletti tornando sulla questione salari e potere di acquisto – la realtà è che l`inflazione rilevata con i metodi ufficiali è pari alla metà di quella rilevata in riferimento ai beni di largo consumo. Ecco perché sono urgenti sia una nuova politica contrattuale, sia una politica fiscale che riduca le tasse ai lavoratori dipendenti e ai pensionati“. Gli ha fatto eco anche Berlusconi, che, parlando a Matrix ha detto che non esistono ricette miracolose se non la diminuzione delle tasse per rilanciare i consumi e l`economia. Il Ministero dello sviluppo economico istituisce un numero verde per collaborare con Mister Prezzi e il ministro dell`Agricoltura de Castro convoca gli operatori del settore lattiero. La mappa dei prezzi della spesa dell`Istat fa girare la testa: pane e latte sono aumentati del 12,3% e dell`8,7% rispetto al 2007. Rincari in corsa per la pasta, che registra un aumento del 10% (+8,6% a dicembre) e per pane e cereali che crescono dell`8% (+7,6% a dicembre). Il tutto mentre anche fare la benzina è uno choc: la benzina ha avuto un aumento del 12,5% rispetto al 2006; il gasolio ha toccato un nuovo record a 1,331 euro. Aumenti, certifica subito il Codacons, che “se non rientreranno in tempi stretti si concretizzeranno in una vera e propria stangata, stimata in circa 1.000 euro annui a famiglia“. “I rincari registrati dalle tasche degli italiani – spiegano Adusbef e Federconsumatori – sono stati in media dell`11% e hanno fatto lievitare il carico per le famiglie, per i prodotti essenziali quali pane, pasta, latte e carne, di ben 445 euro l`anno“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox