14 Ottobre 2012

La sosta si paga ma niente multe per tre settimane

La sosta si paga ma niente multe per tre settimane

 

Daniele De Somma Pomigliano. Il piano sosta a pagamento sarà operativo a partire da domani, ma sono ancora tanti i cambiamenti che potrebbe subire. Dopo il parziale dietrofront dell’ amministrazione, presideduta dal sindaco Lello Russo, che ha fatto imbiancare molte della strisce blu che avevano interessato moltissime strade della città, arrivano altri possibili sconti per i cittadini. Di certo, per le prime tre settimane niente multe. «Sto pensando alla sosta gratuita per le auto a metano – ha dichiarato il primo cittadino durante la riunione di venerdì sera con i rappresentanti del Codacons e degli altri movimenti che fin qui si sono opposti al piano sosta -. Stiamo inoltre valutando costi di 10 centesimi l’ ora in periferia. Per ora non sono previsti abbonamenti o pass, trascorsi tre mesi stabiliremo eventuali aggiustamenti, prendendo anche in considerazione ulteriori proposte dei cittadini che io percepisco come risorse, a patto che non ci siano strumentalizzazioni. La decisione di prevedere in città il servizio di sosta a pagamento nasce essenzialmente per favorire i commercianti. Prima dell’ estate e poi ancora quindici giorni or sono ho incontrato commercianti e rappresentanti di associazioni di categoria che si sono detti favorevoli al provvedimento purché i prezzi della sosta fossero minimi. L’ esigenza – continua il sindaco – è favorire il commercio, ma anche ridurre il numero dei vigili urbani dal controllo della viabilità per destinarli alla sicurezza dei cittadini, al controllo del parco pubblico. Per non dire della necessità di disincentivare l’ uso dell’ auto e allontanare i parcheggiatori abusivi». La riunione di venerdì ha confermato i prezzi e le modalità già dichiarati nei giorni precedenti, che però la giunta si riserva di modificare nei tre mesi in cui il servzio sarà in prova: il pagamento della sosta è previsto dalle 8 alle 13.30 e dalle 16 alle 20 di tutti i giorni feriali. Le tariffe orarie sono pari a 50 centesimi per ogni ora di sosta in strada e ad 1 euro per ogni ora di sosta nelle aree di parcheggio delimitate. Resta la possibilità di pagare frazioni di ora, con una tariffa minima di 10 centesimi per 10 minuti. Nonostante questi aggiustamenti però le associazioni ribadiscono il loro no al provvedimento in sè, giudicato una nuova tassa per il cittadino in una condizione di gravissima crisi. «Il Codacons ? ha dichiarato il suo responsabile locale Mino Iorio ? è contrario al fatto che le strisce blu vengano calate sulla città in ogni loro forma. Per chi non ha mezzi pubblici da utilizzare, o altre agevolazioni, come i cittadini delle periferie, è gravissimo solo pensare di dargli un’ ulteriore vessazione, anche solo di 10 centesimi l’ ora. Un’ amministrazione seria mette prima a disposizione dei servizi, attualmente inesistenti, poi delle vessazioni, in questo caso è accaduto il contrario. Inoltre l’ amministrazione non ha valutato di far versare alla società appaltante la Tarsu e la Cosap, cioè la tassa di occupazione di suolo pubblico, come avviene normalmente in situazioni analoghe in altri Comuni. In pratica al cittadino viene chiesto di pagare e ad una società che viene a riscuotere denaro sul territorio no». © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox