29 Maggio 2010

La scuola può fare male alla salute

Non solo il rischio sismico, di cui abbiamo parlato ieri. La scuola può fare male alla salute – e non è una battuta – anche quando la dimensione delle aule non è adeguata. Il Codacons, l’ associazione di consumatori, ha scoperto quello che definisce un "documento segreto" del ministero datato 2009 in cui sarebbero elencate le scuole che non corrispondono ai criteri di spazio rispetto al numero di alunni. (Per chi vuole vedere il documento nei dettagli www.carlorienzi.it). In Umbria sono 263 le scuole con "gravi criticità" e, soprattutto vengono evidenziate due strutture, una a Perugia e l’ altra a Terni, che sono ad alta densità d’ affollamento, l’ Itas Giordano Bruno di Perugia e la Giovanni XXIII di Terni. Nella sezione As dell’ Itas in un’ aula di 40 metri quadri ci starebbero una trentina di ragazzi, nella scuola di Terni la terza B sta in una stanzetta di 20 metri quadri. La media è di un metro quadro per alunno. Tutti insieme appassionatamente, tra gomitate per fare i disegni e incontri ravvicinati di virus e bacilli. Il documento è stato redatto nel settembre dell’ anno scorso allo scopo, secondo il Codacons, di verificare quali tagli si potevano fare alle classi. «Una presa per i fondelli in realtà – dice Renzi – perchè gli accorpamenti erano stati già decisi senza tener conto della grandezza effettiva delle aule che deve essere di 45 metri quadri per un massimo di 25 alunni».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox