26 Novembre 2001

LA PUBBLICITA? DEL VINO E? RAZZISTA!

I CITTADINI PROTESTANO AL CODACONS PER UNA PUBBLICITA? APPARSA SULLE PAGINE DI MOLTI QUOTIDIANI MA CHI VIGILA SULLE RECLAMES DEI GIORNALI?





La segreteria telefonica del Codacons ha ricevuto domenica le chiamate di alcuni cittadini che hanno mostrato perplessità per una pubblicità apparsa il giorno stesso sulle pagine di molti quotidiani. In questa reclame è rappresentata una donna di colore e una bottiglia di vino, con la scritta
?l?unico bianco che amo?.

Proprio questa scritta ha lasciato molti cittadini titubanti, tra i quali un gruppo di donne di colore che hanno segnalato al CODACONS come la pubblicità sia ?non veritiera? (per il concetto che esprime) e ?razzista?. Leggendola, infatti, si evince che le donne di colore discriminano gli uomini di pelle bianca, preferendo ad essi quelli di pelle nera, ad eccezione di uno, rappresentato appunto dal vino ?bianco?.

Sembra verificarsi, quindi, una sorta di ?razzismo al contrario?, che vede stavolta protagonisti i bianchi.

E? si vero che si tratta solo di una pubblicità, ma non dobbiamo dimenticare che il messaggio contenuto, seppur distorto, arriva a molti, toccandone la sensibilità e a volte creando imbarazzi evitabili.

?Ci meravigliamo che i quotidiani abbiano permesso la pubblicazione di tale pubblicità?, sostiene l?Avv. Carlo Rienzi, Presidente del CODACONS, ?e ci chiediamo a questo punto cosa facciano le autorità preposte al controllo dei messaggi pubblicitari?. ?Prima di diffondere determinate reclames?, continua l?Avv. Rienzi, ?sarebbe opportuno testarne l?effetto su un gruppo di consumatori scelti a campione e, in caso di reazione negativa, evitarne la pubblicazione. Soprattutto quando si tratta di un messaggio che va contro l?integrazione delle culture e delle razze?.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox