25 Giugno 2008

La provocazione arriva dai Consumatori

La provocazione arriva dai Consumatori ed è un chiaro segnale di ribellione contro il caro-petrolio che incalza, mettendo in ginocchio anche – soprattutto – la nostra città, ormai stretta nella morsa dell`invivibilità e considerata tra le più «povere» del Paese.
È per dire «NO» a tutte le conseguenze che – a cascata – i prezzi dell`energia stanno avendo sulla vita dei «forzati del risparmio» e sulle tasche di «quelli che ormai non arrivano neanche alla terza settimana», che Adoc e Codacons hanno deciso di coinvolgere la città etnea, in una protesta di vera e propria portata europea, che è stata promossa anche dalle associazioni dei consumatori operanti nell`area UE. Così, per richiamare l`attenzione delle istituzioni sui cittadini-consumatori, visto che il prossimo 29 giugno è stato indetto lo Sciopero Europeo dell`Energia «Kick Oil» in tutti i Paesi europei, le associazioni lanciano un appello a tutti i tifosi e appassionati di calcio (e sappiamo che non sono pochi, anche se purtroppo l`ultimo match non ci riguarda da vicino).
Domenica, dalle ore 20.45, ora d`inizio della finale degli Europei, i cittadini sono infatti invitati a spegnere tutte le luci e le altre fonti d`energia, lasciando accesi solo i televisori.
L`Adoc Catania confidando nel buon senso della nuova amministrazione, ha deciso di coinvolgere ufficialmente il nostro Comune, al quale chiede una «Finale a lume di Candela», realizzabile attraverso l`installazione di un maxi-schermo in Piazza Università.
In questo modo tutti i cittadini potranno assistere allo scontro finale senza consumare energia nelle proprie case dando, allo stesso tempo, un forte segnale di protesta.
L`adoc Catania chiede, inoltre, la collaborazione di tutti i gestori di pub, ristoranti e locali pubblici di Catania che offrono al proprio pubblico musica dal vivo, affinché anche questi ultimi, spegnendo luci e amplificazioni, possano dare il loro importante e indispensabile contributo.
«L`obiettivo è chiaro – dichiara Claudio Melchiorre, presidente dell`Adoc Catania – realizzare un effettivo risparmio di energia come segnale di protesta ai violenti rincari dei listini dei carburanti cui stiamo assistendo che come sempre danneggiano, prima di chiunque altro, i consumatori i quali risentono degli effetti delle quotazioni del petrolio in ogni settore della vita quotidiana: dal pieno di benzina alla bolletta della luce, dal costo della frutta alle tariffe degli aerei».
Partita al buio, dunque. Ma per mettere in luce i problemi di tutti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox