20 Gennaio 2002

La neve non blocca le polveri

Neppure la neve, che martedì pomeriggio ha imbiancato la città, è riuscita a sconfiggere il nemico numero uno dei nostri polmoni: le polveri nell`aria. I dati, forniti dall`agenzia regionale per l`ambiente (Arpa) e relativi alla giornata di mercoledì (dalla mezzanotte alle 23), parlano chiaro ancora una volta. Mente il valore delle polveri (tecnicamente Pm 10) registrato dalla centralina di via Nonantolana viene dichiarato «non disponibile» (il che fa sorgere qualche preoccupazione), quello di piazza XX Settembre, una zona come risaputo, dal traffico veicolare contenuto, balza a 55 microgrammi per metro cubo (la `soglia` di qualità è di 40) contro i 38 di martedì. Aumenta anche il dato registrato dal rilevatore di Carpi: 45 microgrammi per metro cubo contro i 39 di tre giorni fa. Se tanto dà tanto anche il valore di via Nonantolana, a quota 85 nell`ultima rilevazione, potrebbe essersi alzato in maniera…allarmante. E se le microparticelle ci assalgono, meglio certo non va per il benzene che in città, a Carpi e a Maranello resta, è vero, sotto la soglia di qualità, stabilita a 10 microgrammi per metro cubo, ma sempre su valori abbastanza alti, soprattutto in via Nonantolana (8,1). Supera il livello invece a Sassuolo dove mercoledì si sono registrati 17.1 microgrammi per metro cubo contrro i 14,2 di martedì.
Insomma, come già gli esperti dell`osservatorio geoficìsico dell`Università di Modena avevano previsto, la nevicata non ha ripulito l`aria. E fino alla prossima settimana non sono previste altre perturbazioni. Che fare quindi? In attesa della normativa nazionale e delle decisioni dell`amministrazione comunale, nel mirino del Codacons che ha apertamente annunciato una denuncia alla magistratura contro la giunta, Confersercenti chiede «un piano di interventi globale e organico che non si limiti a rincorrere l`emergenza ? dice Mauro Carletti, segretario di Modena ? Riteniamo necessario conciliare le esigenze di cittadini, imprenditori e operatori per salvaguardare la salute di tutti. Iniziamo con il controllo dei veicoli e dei gas di scarico da applicare su tutto il territorio nazionale perchè merci e persone non si spostano solo entro i confini del proprio comune. Bisogna pensare poi ad una viabilità più funzionale,valutando nuove modalità di movimento».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox