15 Agosto 2007

La Lazio pareggia ma perde la faccia

La Lazio pareggia ma perde la faccia
Cinque tifosi romeni accoltellati e feriti, ululati razzisti.
Espulsi Behrami e Mutarelli

TORNA LA VIOLENZA A ROMA NEL PRELIMINARE DI CHAMPIONS La Lazio pareggia ma perde la faccia Cinque tifosi romeni accoltellati e feriti, ululati razzisti. Espulsi Behrami e Mutarelli 1-1 LAZIO (4-3-1-2): Ballotta; Scaloni, Stendardo (1` st De Silvestri), Cribari (22` pt Kolarov), Zauri; Behrami, Ledesma, Mutarelli; Mauri (19` st Del Nero); Pandev, Rocchi. All. Rossi. DINAMO BUCAREST (4-3-1-2): Lobont; Blay, Radu, Nastase (32` pt Goian), Pulhac; Cristea, Ropotan, Izvoranu, Zicu (8` pt Oprita); Niculescu (30` st Chacu), Danciulescu. All. Rednic. Arbitro: Ovrebo (Nor) Marcatori: 21` pt Danciulescu, 9` st Mutarelli. Note: ammoniti Izvoranu, Kolarov, Pandev, Blay, Nastase, Cristea. Al 28` st espulso Behrami, al 41` st Mutarelli (doppia ammonizione); al 46` st Goian (doppia ammonizione). Spettatori 40mila. di DANIELE CERVINO ? ROMA ? LA PAURA per i cori razzisti, i tafferugli fra gruppi delle due tifoserie all`inizio della gara. Due espulsioni. Tre infortuni. E quel Lobont, felino, che para un rigore a Rocchi e chiude la porta in faccia alla Lazio. Serata no per i biancocelesti. La prima sfida del terzo turno preliminare di Champions League sorride alla Dinamo Bucarest che strappa un pareggio prezioso. Ritorna il grande calcio internazionale in Italia. E subito l`Olimpico, finito nel mirino la scorsa stagione per i disordini durante Roma-Manchester United, torna a far parlare di sè per episodi di violenza. Si temevano i buuh razzisti (partiti al 10` del secondo tempo contro il ghanese Blay da una parte della Nord e coperti con una bordata di fischi dal resto dello stadio), e invece sono spuntati i coltelli. Prima della gara, almeno cinque i feriti fuori lo stadio. Tutti romeni, nessuno in modo grave. Il Codacons comunque ha chiesto “che alla Lazio venga sospeso il campo per tutto il campionato 2007-2008“. Con il fischio dell`arbitro la palla passa al campo. Rossi recupera Rocchi e Mauri, ma non può schierare l`infortunato Simone Inzaghi. Pronti via e la Lazio c`è. Ci prova prima Rocchi con un tiro dalla distanza (15`), poi Cribari con un colpo di testa in area (18`). Niente da fare. La Dinamo, che non è mai arrivata alla fase a gironi, non si lascia superare. Anzi. Al 21` gela l`Olimpico: cross dalla sinistra, stacca Danciulescu e di testa manda la palla alle spalle di Ballotta. La locomotiva biancoceleste non ci sta. Diventa padrona del campo. E va vicina al pareggio prima con Rocchi (27`), ma il suo tiro è respinto sulla linea, poi con Kolarov (36`). Due minuti dopo, arriva il rigore per un tocco di mano in area di Radu. Rossi, invano, chiede l`espulsione del difensore. Rocchi va sul dischetto. Lebont vola e manda in angolo. Nella ripresa la Lazio stringe i denti, si porta in attacco. Ma, come nel primo tempo, sono i campioni di Romania a sfiorare il raddoppio con Cristea (8`): Ballotta respinge. Solo un minuto. E` quanto basta poi ai laziali per ristabilire il risultato. Ci pensa Mutarelli con un colpo di testa su cross di De Silvestri. Al 23`, l`occasione per il sorpasso: Del Nero serve Pandev, ma il suo tiro sfiora il palo. Le cose si mettono male al 28` quando Ovrebo sventola il cartellino rosso a Behrami. E precipitano al 41` quando anche Mutarelli viene mandato sotto la doccia. Stessa sorte per Goian. In nove la vittoria si trasforma in impresa. E per la qualificazione, tutto è rimandato alla gara di ritorno a Bucarest il 28 agosto. “Siamo stati sfortunati e meritavamo di vincere ? ha commentato Rossi a fine gara ?. Ce la giocheremo in Romania“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox