fbpx
21 Dicembre 2018

La IQOS fa meno male alla salute umana rispetto a una tradizionale sigaretta?

 

–di Carlo Rienzi *

La questione dell’impatto sulla salute umana di un prodotto come l’IQOS merita un chiarimento, rivolto ai consumatori, per renderli edotti dei rischi derivanti dal consumo del prodotto della Philip Morris. È infatti invalsa in Italia l’idea che l’IQOS sia un prodotto a rischio ridotto e questo grazie ad una non corretta informazione che spesso è giunta anche dagli organi di stampa.

lnnanzitutto, ad oggi pende dinanzi al FDA una domanda volta a chiedere la commercializzazione dell’IQOS come un prodotto più sicuro, rispetto alla tradizionale sigaretta, ma già a gennaio 2018 il Comitato scientifico dell’autorità statunitense, analizzato il dossier presentato da PMI, pur confermando che le evidenze scientifiche presentate sono coerenti con l’affermazione secondo la quale passare completamente ad IQOS riduce significativamente l’esposizione a sostanze dannose, non si è trovato d’accordo con alcuni dei termini specifici delle proposte di comunicazione ai consumatori riguardanti la riduzione del danno e del rischio di contrarre malattie legate al fumo.

D’altra parte, anche il Public Healt England, analizzando gli studi attualmente disponibili sull’IQOS, ritiene che servono maggiori ricerche sull’IQOS soprattutto “independent of commercial interests (indipendenti dagli interessi commerciali)”.

In Italia, il dott. Silvano Gallus dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri ha evidenziato alla rivista on line “Il Salvagente”: «Tutti gli studi tossicologici realizzati finora sulla iQOS sono stati condotti e finanziati dalla Philip Morris stessa. È lampante l ‘assenza di studi indipendenti condotti per quantificare il reale livello di tossicità di questi dispositivi». Pertanto, è evidente che allo stato attuale affermare che l’IQOS sia meno dannosa di una sigaretta tradizionale, è una pubblicità non possibile, non esistendo allo stato sufficienti evidenze scientifiche che corroborano le affermazioni di PMI sulla minor nocività del loro prodotto.

Quindi, consumatori ricordatevi sempre che la soluzione migliore è sempre la stessa: smettere di fumare.

* Presidente Codacons

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox