12 Febbraio 2020

La Consulta per l’ ambiente riconvocata a Santeramo

SANTERAMO. Si è tenuta ieri pomeriggio la riunione della Consulta per l’ am biente del Comune. Il 27 gennaio era arrivata la richiesta di convocazione urgente della Consulta stessa da parte del locale Codacons, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori. Una richiesta accolta pochi giorni dopo, il 6 febbraio, dall’ assessora all’ Ambiente e vicesindaca, Maria Anna Labarile, «al fine afferma nella nota di convocazione – di superare la situazione e prendere gli opportuni provvedimenti che consentano alla Consulta di funzionare regolarmente». Rispetto alla questione sollevata dal Codacons Santeramo, l’ assessore rimarca in una seconda nota: «La sottoscritta non ha responsabilità che invece le si vogliono addebitare». Infatti, aggiunge, «la nomina ed eventuale sfiducia del presidente della Consulta è di competenza della stessa Consulta, non dell’ assessore». Ancora: «Alla richiesta del presidente del Codacons, avvocato Ettore Cardinali, l’ amministrazione ha risposto già la scorsa settimana». Soddisfazione, quindi, dal Codacons, che vede finalmente convocata la Consulta per l’ ambiente dopo l’ ultima seduta, tenutasi circa un anno fa, il 2 aprile 2019. Si tratta di uno strumento che da una parte riconosce il valore dell’ azione civica della cittadinanza, dall’ altra si propone di promuovere ulteriormente la partecipazione attiva delle associazioni dei cittadini nei processi decisionali dell’ amministrazione. La Consulta per l’ ambiente del Comune di Santeramo, nata nel 2009, è composta da 11 associazioni, dal primo e dal secondo Circolo didattico e dalla scuola media, oltre a 7 componenti senza diritto di voto. È una sorta di «forum tematico», un luogo per il confronto e per la promozione di attività indirizzate al miglioramento delle condizioni di vivibilità delle varie categorie di cittadini e per la collaborazione tra i rappresentati di enti, associazioni e gruppi di cittadini impegnati sulle tematiche ambientali. Lo scopo principale di questo organo di consultazione è, quindi, quello di promuovere iniziative capaci di diffondere la cultura della difesa del territorio e delle risorse naturali della città e, allo stesso tempo, seguire da vicino gli atti inerenti l’ ambiente adottati dall’ amministrazione per esprimere pareri, dare suggerimenti e proporre eventuali modifiche. [red.cro.]

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox