31 Gennaio 2005

La bufera non dà tregua, altri paesi isolati

Lagonegro. Riapre la Salerno-Reggio Calabria. Nel pomeriggio in direzione sud, sei ore dopo, gran parte della carreggiata nord tranne il tratto Polla-Sicignano degli Alburni. L?obbligo è di percorrerla con catene. Lo ha voluto fortemente il presidente dell?Anas, Vincenzo Pozzi che ieri pomeriggio, addosso un giubbotto giallo da lavoro, ha percorso in auto un bel tratto di autostrada, ha schivato gli autotrasportatori imbestialiti, ha osservato il lavoro dei suoi uomini (oltre 150 provenienti da diverse regioni italiane) e ha deciso. L?ordinanza è stata emanata tra lo scetticismo dei poliziotti della Stradale e l?incredulità degli stessi operatori Anas che a Cosenza controllano le telecamere puntate sui tratti più difficili dell?autostrada (Campotenese, Lagonegro, Mormanno). «Si riapre con questo tempo, quando c?è ghiaccio e neve sulla carreggiata?», si chiedevano gli agenti della Stradale fermi agli svincoli. Una decisione che arriva alla fine di una giornata difficile per le insistenti precipitazioni nevose e il freddo intenso. Sembrava anche fosse stato il freddo a causare la morte di un invalido, Agostino Sarli, di 45 anni, trovato morto nella sua abitazione di Trivigno, in provincia di Potenza, poi la smentita. Nel Salernitano, a Sassano, il peso della neve ha provocato il crollo di una tettoia in zinco con il ferimento di un uomo. La Prefettura di Salerno ha chiesto all`Esercito di «disporre un adeguato intervento di uomini e mezzi» per intervenire nei centri dove rimane l`emergenza neve. Le inchieste. Di ieri anche l?annuncio dell?apertura di un?inchiesta del procuratore Repubblica di Cosenza, Alfredo Serafini per accertare eventuali responsabilità per i disservizi di questi giorni sull?A3, che si aggiunge a quelle che faranno seguito alle denunce del Codacons contro la Polizia stradale presentate ai tribunali e al procure di Sala Consilina, Lagonegro, Castrovillari e Salerno per aver omesso di controllare la presenza delle catene a bordo dei camion. Quella di ieri è stata anche la giornata degli ispettori del ministero delle Infrastrutture inviati per capire i perché del «grande blocco»: hanno tentato un sorvolo dell`autostrada e i carabinieri del nucleo elicotteri li hanno sconsigliati. Il freddo. Una giornata in cui il maltempo ha bloccato per molte ore tutta la Campania e buona parte del Sud Italia. La protezione civile ha convocato un comitato operativo per seguire gli eventi. Un autotreno ha sbandato sulla neve, bloccando fino al pomeriggio inoltrato il raccordo Avellino-Salerno. Mentre sono decine e decine i comuni ancora isolati in Campania e Basilicata. Due elicotteri dei vigili del fuoco e uno della Forestale con un «gatto delle nevi» operano nelle zone di Montesano sulla Marcellana, Casalbuono, Sassano, Teggiano e Vallo della Lucania. Andranno in soccorso alle aziende isolate e lanceranno foraggio alle mandrie bloccate dalla neve in alta montagna. Rischiano di essere evacuate alcune famiglie residenti nel centro storico di Petina: il peso della neve potrebbe fra cedere i tetti di legno di alcune abitazioni del centro storico. I sindaci sotto la neve hanno prorogato la chiusura delle scuole fino a martedì 1 febbraio. La neve e il vento in Basilicata hanno lasciato al buio numerosi utenti: almeno 2000 le case sconnesse. In serata ripristinata a Lagonegro la distribuzione dell?energia. Ieri mattina nei comuni di Lauria e Lagonegro la neve era arrivata a un metro, i vigili del fuoco sono stati impegnati in migliaia di interventi. In particolare le situazioni più difficili sono in tutto il Potentino, in alcune zone interne della Campania, nelle Marche e in Umbria. In Abruzzo la neve causa problemi ai trasporti ferroviari. Sulla linea Sulmona-Pescara-Roma i ritardi maggiori. Due i treni fermi fino a tarda sera, a causa della neve: a bordo 450 passeggeri. Le previsioni. Da anni non si registravano temperature così rigide in Campania, tra 0 gradi e -5 ma sui rilievi si toccano fino a dieci gradi sotto zero. Le previsioni delle prossime ore annunciano nevicate anche a bassa quota e temporali sulla costa.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox