14 Luglio 2021

La benzina vola a 1.65 euro ai massimi dal 2018

Sale ancora il prezzo della benzina, e raggiunge il livello più alto dal 2018. Con un possibile aumento di 12 euro in più in un anno per un pieno. Un’impennata che in vista delle vacanze, e quindi degli spostamenti estivi, può arrivare a quasi 300 euro a famiglia. Eppure, in un quadro composto da diversi elementi (effetto della congiuntura, ricerca minuziosa, e ormai preziosa, delle materie prime, spinta al Recovery innescata dai Piani nazionali), che puntano tutti verso la transizione energetica, le rinnovabili non sembrano pronte a tenere il passo, e a raccogliere il testimone dal petrolio. Tanto che l’Unione energie per la mobilità (l’Unem, nata dall’ex Unione petrolifera) – nel corso dell’Assemblea 2021 – incastra due paletti lungo la strada che porta alla piena applicazione del Green deal dal respiro europeo; il primo è sulle fonti fossili, ritenute “dominanti ancora per decenni”, il secondo proprio sui carburanti che si porterebbero sul groppone il peso del fisco. Il ministero dello Sviluppo economico nelle sue rilevazioni periodiche puntella le variazioni: la media nazionale in modalità self service è arrivata per la benzina a 1,65 euro al litro (record da novembre 2018) e per il diesel a 1,508 euro al litro (il prezzo più alto da giugno 2019). Immediata la reazione delle associazioni dei consumatori. “Oggi la benzina costa il 17,5% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – spiega il Codacons, ricordando che con le vacanze alle porte questo significherà una “stangata media” annuale da 295 euro per famiglia – un pieno di benzina costa oggi 12,3 euro in più rispetto allo stesso periodo del 2020 (oltre 10 euro quello di gasolio)”. Di “prezzi alle stelle”, parla l’Unione nazionale consumatori, che a guardare i calcoli ancora più approfonditi dell’Osservatorio nazionale di Federconsumatori sembra tocchino diversi ambiti del sistema: in totale le ricadute saranno di 251,28 euro a famiglia all’anno, tenendo insieme “l’aggravio di 144 euro ad automobilista” e gli effetti sui “beni di consumo (che la Coldiretti definisce “effetto valanga”) trasportati in larga parte su gomma” pari “a 107,28 euro a famiglia”. Una questione dalle sfumature molto nostrane, secondo il presidente dell’Unem Claudio Spinaci che scarica il ‘peso’ del prezzo sulla “componente fiscale”, e ricorda come “oggi gli automobilisti italiani paghino un sovraprezzo di 7-10 centesimi al litro rispetto agli europei”

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox