23 Febbraio 2018

L’ Istat conferma: Bolzano la città con i rincari maggiori

BOLZANO Bolzano si conferma la città italiana dove i prezzi crescono più velocemente e dove le famiglie spendono di più per fare la spesa. Lo afferma il Codacons, commentando i dati sull’ inflazione diffusi dall’ Istat. Mentre in Italia l’ inflazione media rallenta e si ferma a gennaio allo 0,9%, a Bolzano i listini aumentano a ritmo del +1,6% rispetto allo stesso periodo del 2017. Questo significa che una famiglia tipo residente a Bolzano spende +682 euro su base annua a causa della corsa dei listini, contro una media nazionale di +273 euro annui a famiglia. Una situazione nettamente diversa rispetto a città come Ancona e Potenza, dove l’ inflazione tendenziale è allo 0% e quindi i prezzi a gennaio sono rimasti stabili su base annua.L’ Istat ha reso noti i dati relativi all’ inflazione dei capoluoghi di regione e delle regioni, in base ai quali l’ Unione Nazionale Consumatori ha stilato la propria top ten delle città più care d’ Italia e la classifica delle regioni più costose, in termini di aumento del costo della vita. Anche secondo lo studio dell’ associazione di consumatori, in testa alla classifica delle città più care, in termini di maggior spesa, si conferma Bolzano, con il picco dell’ inflazione, 1,6%, equivalente, per una famiglia da 4 componenti, ad una spesa supplementare su base annua di 895 euro, contro una media per l’ Italia di 347 euro.In testa alla classifica delle regioni più costose, in termini di rincari, ancora una volta, il Trentino Alto Adige, dove l’ inflazione dell’ 1,4% significa, per una famiglia di 4 persone, una batosta pari a 757 euro su base annua. Segue la Toscana, dove l’ incremento dei prezzi pari all’ 1,3% implica un’ impennata del costo della vita pari a 593 euro e, terza, la Valle d’ Aosta, dove l’ inflazione dell’ 1,2% genera una spesa annua supplementare di 580 euro.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox