fbpx
9 Febbraio 2019

L’ immunità Ilva alla Consulta Emiliano ora sfida il governo

il gip di taranto invia gli atti. il governatore all’ esecutivo: ” abbiate un sussulto di dignità”
Ci sono profili di incostituzionalità sull’ immunità penale e amministrativa concessa ai vertici dell’ ex Ilva, ora Arcelor Mittal per l’ attuazione del piano ambientale sull’ area del siderurgico. Li rileva il gip del tribunale di Taranto, Benedetto Ruberto che ha trasmesso gli atti alla Corte costituzionale sollevando una questione di legittimità costituzionale. Tre i procedimenti penali che hanno indotto il magistrato a ricorrere alla Consulta: l’ inchiestasui livelli di diossina dell’ impianto di agglomerazione, i dati dell’ Arpa sulle emissioni di PM10, PM 2,5 e benzene nella cokeria e l’ inquinamento provocato dall’ attività estrattiva nella cava Mater Gratiae. In particolare iIl gip ha sollevato questione di legittimità costituzionale in relazione agli articoli 2 comma 5 e 2 comma 6 del decreto legge 5 gennaio 2015, n. 1, convertito con modificazioni dalla Legge 4 marzo 2015, n. 20, per contrasto con gli articoli 3, 24, 32, 35, 41, 112 e 117 della Costituzione. L’ attività investigativa – osserva il gip – dovrà stabilire «se le condotte causative di quei fenomeni fossero o meno attinenti al normale ciclo produttivo dell’ Ilva, ex lege autorizzato, ovvero si fosse trattato, anche stavolta, di vere e proprie violazioni del Piano » e « se persistono fenomeni emissivi legati all’ attuazione del Piano, quale sia la loro entità e pericolosità per la salute dei lavoratori dello stabilimento e per la popolazione circostante». Ma per procedere oltre occorre prima stabilire « se quelle norme che stanno consentendo all’ Ilva di continuare a produrre, con garanzia di esenzione da responsabilità penale per le sue figure apicali ( o soggetti da essi delegati) possano considerarsi costituzionalmente legittime». Ora toccherà ai giudici costituzionali stabilire se l’ immunità prevista dal governo Renzi, che l’ ha congegnato, al governo giallo-verde che l’ ha confermato, rispetti la Carta fondamentale. Intanto riprende vigore sul piano politico, il coro di quanti hanno sempre contestato il “salvacondotto” per i vecchi e i nuovi proprietari dello stabilimento tarantino. In prima fila il governatore pugliese Michele Emiliano che rimette la spina nel fianco di ministri e parlamentari pentastellati: «L’ attuale maggioranza parlamentare, con un sussulto di dignità intervenga per via legislativa a porre fine a questa indecenza giuridica prima che si pronunci la Consulta » . « La Regione Puglia nel giudizio pendente per l’ impugnazione del vigente piano ambientale insiste Emiliano – ha eccepito l’ incostituzionalità dell’ ultimo decreto Salva Ilva per aver dato prevalenza all’ interesse della produzione a scapito della salute dei cittadini. Questo è per noi inaccettabile ». Di « importantissimo spiraglio di luce per difendere la salute delle cittadine e dei cittadini di Taranto » parla Angelo Bonelli dell’ esecutivo dei Verdi, cui « spiace constatare che ancora una volta sia la magistratura a farsi carico del diritto alla salute di lavoratori e popolazione, diritto sacrosanto disatteso prima dal governo Renzi e ora dal governo Di Maio che, nonostante le promesse in campagna elettorale non ha abrogato questa norma iniqua e incostituzionale ». Di « ottima notizia » parla invece il Codacons perchè « apre finalmente la strada ai risarcimenti in favore dei cittadini danneggiati dall’ Ilva » . « Sono anni – osserva il presidente Carlo Rienzi – che contestiamo il rifiuto del Governo e dell’ azienda di riconoscere indennizzi ai residenti di Taranto per i gravi danni arrecati dall’ Ilva all’ ambiente e alla salute pubblica. Con la decisione odierna si apre la strada ai risarcimenti per le violazioni dei diritti dei cittadini riconosciute anche dalla Corte europea dei diritti dell’ uomo». © RIPRODUZIONE RISERVATA “L’ attuale maggioranza intervenga per via legislativa a porre fine a questa indecenza giuridica” La fabbrica dei veleni Un’ immagine dell’ ex Ilva.
piero ricci

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox