1 Febbraio 2011

Italiani nel caos: “Noi, prigionieri in aeroporto”

Centinaia di disdette per il Mar Rosso, da Fiumicino partono charter vuoti. Le agenzie propongono il cambio di destinazione

TUTTI in fuga dalla barca che affonda. Un Paese come l’ Egitto, in preda a una sanguinosa guerriglia, fa paura agli italiani che per diverse ragioni si trovano nel suo territorio: fa paura ai turisti, a chi risiede là per lavoro o per altri motivi e fa paura alle nostre imprese costrette a chiudere i battenti e a sospendere le attività. E’ il caso dell’ Edison, proprietaria dei grandi giacimenti di idrocarburi di Abu-Qir, vicino ad Alessandria, che in queste ore sta rimpatriando i dipendenti italiani con un aereo privato della società, mentre resta sul campo il personale locale. L’ Eni ieri ha riempito tre voli charter per favorire il rientro dei suoi 250 dipendenti che con le loro famiglie risiedono al Cairo. L’ Italcementi a sua volta ha sospeso la produzione delle sue cinque fabbriche egiziane, in cui lavorano quattromila persone, evacuando un centinaio di membri del suo staff. L’ Italcementi è leader nella produzione del cemento in Egitto occupando circa il 30 per cento del mercato con la controllata Suez Cementi. Allo stesso tempo continuano, seppur con difficoltà i rientri dal Cairo e delle aree turistiche del Mar Rosso. Ieri sono arrivati aerei carichi di turisti con voli di Blue Panorama, Meridiana Fly, Alitalia ed EgyptAir. Questi ultimi due sono riusciti a partire dal Cairo. Una nave della "Costa Crociere" con a bordo cento passeggeri ha lasciato il porto di Sharm el-Sheikh dirigendosi ad Aqaba, in Giordania, invece che a in Italia. Da lì i passeggeri sono giunti a Fiumicino a bordo di un aereo. Sono arrivati all’ aeroporto di Pratica di Mare anche cento connazionali a bordo di un C-130 dell’ Aeronautica militare. L’ aereo era atterrato in mattinata al Cairo con un nucleo di carabinieri paracadutisti del Tuscania, inviati per rafforzare la protezione della nostra ambasciata e di altri possibili obiettivi. Tutto comunque è difficile, lo ha confermato il capo dell’ Unità di Crisi della Farnesina, Fabrizio Romano, nel corso di una conferenza stampa situazione egiziana. «All’ aeroporto del Cairo – ha affermato – la situazione è caotica, ci sono serie difficoltà per tornare in Italia con EgyptAir, stiamo valutando con la compagnia di bandiera dei modi per favorire il rientro dei nostri connazionali». E di "vero e proprio caos" in aeroporto hanno parlato turisti rientrati ieri sera. «Sia a Luxor sia al Cairo abbiamo assistito a scene apocalittiche – ha detto un gruppo di italiani di ritorno da un viaggio di una settimana in Egitto -. Dopo aver trascorso 8 ore senza quasi mangiare nello scalo di Luxor, da dove siamo poi finalmente partiti l’ altro ieri per Il Cairo, ne abbiamo passate altre 24 nell’ aeroporto della capitale». Nonostante il caos in Egitto, non tutti gli italiani si sono rassegnati a rimandare le vacanze programmate. Almeno fino a quando gli stessi tour operator hanno deciso di congelare tutti i voli. «Fino a ieri alcune decine di italiani hanno deciso di partire ugualmente verso Sharm el-Sheik e Marsa Alam», riferisce Roberto Corbella, presidente dell’ Astoi, l’ associazione dei tour operator. Nel complesso, da sabato in poi la stragrande maggioranza degli italiani ha deciso di seguire il consiglio della Farnesina e di rinunciare alle ferie in Egitto. Domenica, ad esempio, da Roma tre aerei charter diretti verso il Mar Rosso sono decollati senza passeggeri: su un totale di circa 500 vacanzieri, solo una cinquantina si sono presentati al terminal B. E tutti alla fine hanno rinunciato all’ imbarco. Già da alcuni giorni molti tour operator hanno esplicitamente sconsigliato di mettersi in viaggio offrendo ai passeggeri la possibilità di cambiare destinazione o di rimandare le vacanze. «Le ultime partenze ci sono state sabato – racconta Cinzia Renzi, presidente della Fiavet, la federazione italiana delle imprese di viaggi e turismo – e qualcosa anche ieri, anche se per la verità sono soprattutto partiti aerei vuoti, per far tornare gli italiani che sono lì». Infatti, se i voli dall’ Italia verso l’ Egitto sono stati proprio annullati, quelli dall’ Egitto all’ Italia stanno continuando a viaggiare. «I tour operator – dice Corbella – stanno facendo uno sforzo economico enorme per garantire ai passeggeri italiani di ritornare in Italia». Ancora più onerosi per i tour operator saranno i rimborsi a cui avrebbero diritto tutti i passeggeri rimasti a terra. «Tre le soluzioni – spiega Renzi – proposte: un altro viaggio nello stesso periodo ma con un’ altra destinazione, un voucher per una prossima pazienza o il rimborso del biglietto». Resta da capire se scegliendo l’ opzione del rimborso si potrà riavere indietro l’ intera somma. «Questo è un problema annoso, che non dipende solo da noi», sottolinea Renzi. Sulla questione si sono mobilitati il Codacons e Federconsumatori che annunciano battaglia. RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox