1 Ottobre 2012

ITALIA ‘SOTTO SMOG’: CLAMOROSA AZIONE COLLETTIVA DEL CODACONS!

ITALIA ‘SOTTO SMOG’: CLAMOROSA AZIONE COLLETTIVA DEL CODACONS!

SE ANCHE TU RISIEDI IN UNA DELLE SEGUENTI CITTA’ AGISCI SUBITO CON IL
CODACONS
 PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO DI € 2.000,00 PER ESSERE COSTRETTO A VIVERE
NELLO SMOG,
 
ANCHE SE NON HAI ANCORA SUBITO UN DANNO ALLA SALUTE!

CONTRO LA CRISI: LEGGI SOTTO COME FARE PER
ISCRIVERTI ENTRO IL 28.02.2013 AL SOLO COSTO DI 6 EURO!

Numerose città
italiane superano costantemente i livelli consentiti di inquinamento:
 
oltre due
milioni di persone nel mondo muoiono ogni anno a causa dello smog, più di 8500
in Italia!

(dati raccolti
dall’Organizzazione mondiale della Sanità).

 

Caro abitante di una delle seguenti città,

come purtroppo ben saprai, sei
costretto a respirare
ogni giorno
aria inquinata, che supera le soglie previste dalla legge comunitaria
(da ultimo
direttiva 2008/50/CE, convertita nel dlgs 155/2010).

Le Regioni ed i Comuni sarebbero infatti obbligati a monitorare
costantemente gli agenti inquinanti dannosi per la salute, tra cui il Pm10 ed
il Pm2.5,
 e ad
adottare tutte le misure necessarie ad evitare i conseguenti gravissimi danni
per la salute
, in particolare tutte le tragiche
patologie legate all’apparato cardio-circolatorio e respiratorio.

MA
NONOSTANTE QUESTO, OGNI ANNO PIU’ 8.500 PERSONE MUOIONO IN ITALIA A CAUSA DELLO
SMOG!

Purtroppo, l’esposizione protratta
agli agenti inquinanti riduce la funzionalità respiratoria e i meccanismi di
difesa polmonari,
 con
l’insorgenza di gravissime conseguenze infettive, tossiche e cancerogene
. I cittadini  maggiormente a rischio
sono i bambini, gli anziani, i cardiopatici e tutti coloro che già soffrono di
disturbi respiratori, ma è
 tutta la popolazione ad essere sottoposta a rischio salute (Ufficio
Regionale per l’Europa dell’OMS).

MA MOLTI COMUNI, PROVINCE E REGIONI CONTINUANO A NON TUTELARE LA SALUTE DEGLI
ITALIANI!

La normativa italiana stabilisce infatti
un limite di tolleranza giornaliero di concentrazione nell’aria di PM10 (50
µg/m³)
 che non deve essere
superato per più di 35 giorni all’anno.

Al contrario, ecco, in media, i giorni di
sforamento rilevati nel 2010, suddivisi per regioni:

 

LOMBARDIA

MILANO

87

BERGAMO

71

BRESCIA

89

 

COMO

42

CREMONA

42

LECCO

42

 

LODI

73

MANTOVA

83

MONZA

92

 

PAVIA

54

VARESE

40

 

 

 

PIEMONTE

TORINO

134

ALESSANDRIA

89

ASTI

98

 

BIELLA

41

NOVARA

77

VERCELLI

50

 

EMILIA ROMAGNIA

BOLOGNA

63

FERRARA

59

FORLI

45

 

MODENA

82

PARMA

61

PIACENZA

63

 

RAVENNA

47

REGGIO
EMILIA

84

RIMINI

58

 

VENETO

VENEZIA

71

PADOVA

94

ROVIGO

67

 

TREVISO

84

VERONA

70

VICENZA

87

 

TOSCANA

FIRENZE

65

LUCCA

97

PRATO

48

 

MARCHE

ANCONA

96

MACERATA

50

 

 

 

LAZIO

ROMA

63

FROSINONE

108

 

 

 

ABRUZZO

PESCARA

59

TERAMO

42

 

 

 

CAMPANIA

NAPOLI

95

BENEVENTO

85

 

 

 

SICILIA

PALERMO

60

 

 

 

 

 

SARDEGNA

CAGLIARI

56

 

 

 

 

Dati
dell’ARPA, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, che monitora
costantemente il livello delle polveri sottili e gli altri agenti inquinanti
nell’atmosfera.

 

ADESSO BASTA: VOGLIAMO RESPIRARE ARIA PULITA!!!

L’art. 32 della Costituzione tutela
come diritto fondamentale dell’uomo il
 diritto alla salute, e dunque innanzitutto il diritto di vivere
in un ambiente non inquinato!

Per questo il Codacons lancia una
clamorosa azione collettiva contro le Regioni, le Province ed i Comuni
interessati per:

  • far ottenere a tutti i cittadini, delle predette
    città, un risarcimento del danno da smog per 2000 euro;
     
  • far adottare finalmente tutte le misure
    necessarie
     (come
    la legge impone!)
     per
    garantire il diritto di vivere in un ambiente salubre,
     misure finalmente in
    grado di limitare lo smog nell’aria di numerose città italiane.
     

 

PERTANTO CITTADINO ITALIANO, ORA FAI MOLTA ATTENZIONE:

ESCLUSIVAMENTE
se abiti in una delle seguenti città
:

ANCONA, ALESSANDRIA, ASTI, BENEVENTO, BERGAMO, BIELLA, BOLOGNA,
BRESCIA, CAGLIARI, CREMONA, COMO, FERRARA, FIRENZE, FORLI’,
FROSINONE, LECCO, LODI, LUCCA, MACERATA, MANTOVA, MILANO, MODENA,
MONZA, NAPOLI,
NOVARA,
PADOVA, PALERMO, PARMA, PAVIA, PESCARA, PIACENZA, PRATO, RAVENNA,
REGGIO EMILIA, RIMINI, ROMA, ROVIGO, TERAMO, TORINO, TREVISO, VARESE,
VENEZIA, VERCELLI, VERONA, VICENZA,


PUOI AGIRE PER RICHIEDERE IL
RISARCIMENTO DI € 2000 PER IL DANNO DA SMOG, PAGANDO ESCLUSIVAMENTE € 6
(IVA inclusa)
 PER IL COSTO DELLA TELEFONATA CON CUI SARAI
AUTOMATICAMENTE ISCRITTO COME SOCIO AGGREGATO AL CODACONS

Iscrivendoti
contribuirai ad aiutare l’Associazione MARY POPPINS per la cura e assistenza
dei bambini malati di cancro del Policlinico Umberto I di Roma


ECCO COME FARE:

1.  TELEFONA DA UN
CELLULARE AL NUMERO 
8958959949 AL COSTO DI 6 EURO (IVA inclusa), ENTRO
IL 28.02.2013

2.
RICEVERAI UNA PASSWORD 

3.
COLLEGATI AL SITO WEB:

www.termilcons.net/index.php?pagina=page_publicForm&idForm=135&css=1&access=ok E INSERISCI LA
PASSWORD RICEVUTA
 

4.   DOVRAI SCARICARE TUTTI I DOCUMENTI
E MODULI NECESSARI PER ADERIRE ALL’AZIONE COLLETTIVA, COMPILARLI, FIRMARLI E,
ASSIEME AI DOCUMENTI RICHIESTI, INVIARLI A TER.MIL.CONS, ente delegato da
CODACONS.
 Nel caso in cui dovesse mancare qualche documento verrai contattato.
Pertanto, sarà importante indicare l’indirizzo e-mail ed il numero di telefono
corretti.
  

 

NON ATTENDERE
OLTRE, TELEFONA IMMEDIATAMENTE DAL TUO CELLULARE AL NUMERO
 8958959949, AL COSTO DI 6 EURO (IVA inclusa), 
PER ISCRIVERTI
ALL’AZIONE COLLETTIVA PER RICHIEDERE IL DANNO DA SMOG

 

L’ADESIONE COMPORTA LA PARTECIPAZIONE IN PRIMA PERSONA AL RICORSO AL TAR
PER IL RISARCIMENTO E ANCHE L’ISCRIZIONE PER UN ANNO COME SOCIO AGGREGATO AL
CODACONS (L’ISCRIZIONE SERVE ANCHE PER AIUTARE L’ASSOCIAZIONE MARY POPPINS PER
L’ASSISTENZA AI BAMBINI MALATI DI CANCRO DEL POLICLINICO UMBERTO I DI ROMA)

AVVISO: A causa delle elevate iscrizioni è possibile ci siano dei problemi con le password. Per qualsiasi disguido con la procedura inviare una email a info@termilcons.com contenente il numero dal quale si è effettuata la procedura  con richiesta dei documenti

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox