16 Giugno 2013

«Istituire un assessorato Legalità e trasparenza»

«Istituire un assessorato Legalità e trasparenza»

Dopo la recente dichiarazione espressa dal Codacons (il coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ ambiente e dei diritti degli utenti e consumatori), nella quale si esortavano i neoconsiglieri e gli assessori della giunta comunale a rinunciare per un anno alla indennità dimostrando alla cittadinanza catanese di essere solidale con chi vive in uno stato di indigenza, il segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi, rilancia. Considerato lo stato di pre-dissesto ormai dichiarato del Comune di Catania, Tanasi propone «la formazione di un assessorato alla Legalità, alla Trasparenza e ai Consumatori a titolo meramente gratuito». Il segretario indica anche due nomi che potrebbero andare alla guida dell’ assessorato, la dottoressa Emilia Clelia Grasso, direttore nazionale del Dipartimento Affari sociali ed emarginazione del Codacons, e il dott. Nino Rizzo, dirigente del Codacons Medici, «i quali sarebbero i primi a farsi promotori di questa nuova ricetta indicata dal Codacons». Una testimonianza concreta che potrebbe essere di buon esempio e motivo di emulazione da parte anche degli altri consiglieri e assessori. «Così si otterrebbe un doppio risultato – dice Tanasi -: si eviterebbe di gravare sulle vuote casse del Comune e si contribuirebbe a diminuire il divario tra l’ elettorato e la politica, facendo rinascere la fiducia in chi ormai non crede più alle istituzioni, come ha dimostrato l’ altissima percentuale di astensionismo registrata proprio in quest’ ultima tornata elettorale». 16/06/2013.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox