29 Maggio 2019

ISTAT: SALE REDDITO PROCAPITE MA SI ERODE PATRIMONIO

     

    CODACONS: REGIONI DEL SUD SI CONFERMANO LE PIU’ POVERE DEL PAESE. NEL MEZZOGIORNO REDDITO INFERIORE DEL 60% RISPETTO AL NORD ITALIA

    AUMENTA IN MODO ALLARMANTE DIVARIO TRA NORD E SUD ITALIA

    Se da un lato il reddito medio procapite degli italiani è tornato a salire tra il 2014 e il 2016, dall’altro si confermano le differenze abissali sul fronte della ricchezza tra Nord e Sud Italia. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat e relativi agli indicatori del Benessere equo e sostenibile dei territori.
    “I dati Istat dimostrano come l’Italia sia spezzata in due sul fronte del reddito e del patrimonio, con la forbice tra Nord e Sud che continua pericolosamente ad allargarsi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il reddito medio disponibile procapite del Mezzogiorno è infatti inferiore del 60% rispetto a quello del Nord Italia, con una differenza pari a circa 8.000 euro. Chi vive a Crotone o a Vibo Valentia registra un reddito di circa 11.000 euro, contro una media di 26.700 euro dei milanesi. La situazione non va meglio se si analizzano i dati sul patrimonio procapite, che al Sud risulta pari a meno della metà della media nazionale”.
    “Si tratta di un divario allarmante che invece di ridursi aumenta, a tutto danno delle famiglie del Sud che continuano a patire condizioni economiche sfavorevoli e a sentire il peso della povertà, la cui incidenza non a caso è assai più elevata nel Mezzogiorno” – conclude il presidente Codacons.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox