8 Gennaio 2020

Istat, le famiglie spendono di più Calano i risparmi

Il reddito delle famiglie sale ancora e la bassa inflazione dà ossigeno al potere d’ acquisto. Ma i margini di crescita sono limitati, non si va oltre lo 0,3%, e in frenata rispetto all’ inizio dell’ anno. Così la spesa, che si alza dello 0,4%, finisce per assorbire tutti i guadagni, intaccando perfino un po’ i risparmi. È questo il bilancio delle economie domestiche secondo i conti dell’ Istat sul trimestre estivo, che traccia la linea dei mesi che vanno da luglio a settembre. Quanto allo Stato, buone notizie per il deficit: stabile rispetto allo stesso periodo del 2018 (1,8%) ma in calo, ai minimi dal 2007, se si guarda al dato complessivo sui nove mesi (3,2%). Di certo aiutano i risparmi totalizzati nei tre mesi sugli interessi pagati per il debito, quasi 900 milioni. E ciò nonostante l’ impennata registrata dallo spread ad agosto, in concomitanza con la crisi del governo giallo-verde. La pressione fiscale, invece, pur scendendo di un decimo di punto nel trimestre risulta ai massimi dal 2015 cumulando i valori fin qui a disposizione per il 2019 (39,2%). Tendenza e congiuntura non coincidono neppure passando ai prezzi: a dicembre il tasso risale allo 0,5% mentre la media annua dimezza il valore registrato nel 2018 (allo 0,6% dall’ 1,2%). Comunque sempre di zero virgola si tratta, con l’ Istituto di statistica che conferma la «debolezza» dell’ inflazione. Debolezza più accentuata rispetto a quanto avviene nell’ eurozona, dove lo scorso mese l’ indice è salito all’ 1,3%. Ma qualcosa potrebbe cambiare nei prossimi mesi, con il riflettersi delle tensioni in Medio Oriente sulle quotazioni del greggio. I consumatori temono che le fiammate del petrolio possano generare rialzi sulla benzina. «Il rischio concreto ora è quello di un’ ondata di rincari per prezzi e tariffe in tutti i settori, determinata sia dal caro-carburanti, sia dalle speculazioni che saranno messe in atto: costerà di più non solo fare il pieno alla propria automobile, ma anche fare la spesa e acquistare frutta, verdura e generi alimentari, considerato in Italia l’ 86,5% dei prodotti viaggia su gomma. Sarà più caro viaggiare e spostarsi e anche le bollette energetiche potrebbero subire a breve una stangata», è lo scenario delineato dal Condacons. Per l’ associazione a tutela del consumatore il rialzo di reddito e potere d’ acquisto è quindi solo un «effetto ottico» dovuto a quella che Confesercenti ha ribattezzato la «calma piatta dei prezzi». In effetti lo stesso Istat chiarisce come quando a movimentare il tasso è la benzina occorre cautela. Si tratta, spiega, di «una componente volatile». E Confcommercio, commentando i dati, insiste sulle «dinamiche molto contenute dei prezzi». Anche il carrello della spesa a dicembre, pur salendo, si mantiene sotto la soglia dell’ 1%, attestandosi allo 0,8%. Addirittura lo scorso anno lascia un’ eredita negativa al 2020: nell’ ipotesi di prezzi invariati per tutti i 12 mesi l’ Italia ricadrebbe in deflazione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox