9 Luglio 2013

Istat: crolla il potere d’ acquisto delle famiglie

Istat: crolla il potere d’ acquisto delle famiglie

Roma, 9 luglio 2013 – Crolla il potere d’ acquisto delle famiglie nel primo trimestre su base tendenziale, mentre sale la propensione al risparmio . E’ il quadro tracciato dall’ Istat che ha diffuso oggi i dati su reddito e risparmio delle famiglie italiane. Tenuto conto dell’ inflazione, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici nel primo trimestre è aumentato dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti , dopo otto trimestri consecutivi di variazioni negative. Rispetto al primo trimestre del 2012 si registra invece una diminuzione del 2,4%. Nello stesso periodo la propensione al risparmio delle famiglie, misurata al netto della stagionalità, è stata pari al 9,3%, in aumento di 0,9 punti percentuali rispetto sia al trimestre precedente , sia a quello corrispondente del 2012. Il tasso di investimento delle famiglie è risultato invece pari al 6,5%, in diminuzione di 0,3 punti percentuali rispetto sia al trimestre precedente, sia al primo trimestre del 2012. Il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato dello 0,8% rispetto al trimestre precedente, ma è diminuito dello 0,4% nel confronto con il corrispondente periodo del 2012, rileva l’ Istituto di statistica. La spesa per consumi finali è diminuita dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell’ 1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2012. Infine la quota di profitto delle società non finanziarie è risultata pari al 38,3% nel primo trimestre del 2013, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,8 punti percentuali nel confronto con il corrispondente trimestre del 2012. Il tasso di investimento delle società non finanziarie è sceso al 19,5%, con una diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 1,5 punti percentuali rispetto al primo trimestre del 2012. I consumi delle famiglie continuano a scendere: il governo dica in fretta dove trova i soldi per iva ed imu, commenta il Codacons. Il potere d’ acquisto, si legge in una nota , “tiene conto del fatto che, finito l’ effetto l’ Iva che aveva dopato l’ inflazione facendola restare oltre il 3% fino al settembre 2012, i prezzi sono in breve tempo precipitati, avendo finalmente seguito, anche se con ritardo, il crollo dei consumi delle famiglie, passando dal 2,6% dell’ ottobre 2012 al 2,3% del dicembre 2012 e addirittura dal 2,2% del gennaio 2013 all’ 1,6% del marzo di quest’ anno, ossia il doppio rispetto al trimestre precedente (sei decimi di punto percentuale contro tre)”. Condividi l’ articolo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox