18 Dicembre 2012

ISTAT: CONSUMI AL PAOLO, SPESA FAMIGLIE FRENA IN 2011

    ISTAT: CONSUMI AL PAOLO, SPESA FAMIGLIE FRENA IN 2011 CODACONS: CONSUMI REALI SCENDONO DI 420 EURO

     

    TROPPE LE SPESE OBBLIGATE: MONTI BLOCCHI LE TARIFFE PER ALMENO 6 MESI

    In Italia i consumi sono fermi.  La conferma, l’ennesima, è giunta oggi dall’Annuario statistico italiano dell’Istat.
    La spesa media mensile nel 2011 è pari a 2488 euro, 35 euro in più rispetto al 2010 (+1,4 per cento). Considerato, però, che il dato incorpora anche la dinamica dei prezzi e che l’inflazione è stata nel 2011 del 2,8%, è evidente che i consumi in termini quantitativi sono in netto calo. Per restare costanti, infatti, l’aumento della spesa media avrebbe dovuto essere esattamente il doppio, ossia 70 euro al mese. Su base annua, quindi, i consumi in termini reali scendono di 420 euro.
    Per il Codacons l’indagine Istat evidenzia le troppe spese obbligate che gravano su una famiglia. Gli italiani, infatti, hanno ridotto tutti gli acquisti non necessari: dall’arredamento al tempo libero, dall’abbigliamento alle calzature, dalle vacanze agli abbonamenti a giornali. Ma ad incidere pesantemente sui bilanci restano le spese per l’abitazione, i trasporti, le bollette di luce, gas e le altre utenze domestiche, tutte spese non rinviabili e difficilmente comprimibili.
    Ecco perché il Codacons, per ridare fiato alle famiglie in difficoltà, chiede al Governo Monti di congelare per tutti i primi 6 mesi del 2013 le tariffe pubbliche, dal canone Rai alle multe per violazione al codice della strada, dai pedaggi autostradali alle tariffe degli enti locali come acqua e rifiuti.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox