7 Maggio 2019

ISTAT: CONFERMATA FIAMMATA PREZZI CAUSATA DA CARO-BENZINA

 

FORTI RIALZI ALLA POMPA SPINGONO INFLAZIONE, MA PROSEGUE INCERTEZZA CONSUMI

La nota mensile Istat sull’andamento dell’economia italiana conferma in pieno gli allarmi lanciati dal Codacons e relativi agli effetti del caro-benzina sui prezzi al dettaglio. Lo afferma l’associazione dei consumatori, che sottolinea tuttavia come, a fronte del rincaro dei listini, prosegua l’incertezza dei consumi da parte delle famiglie.
“Nella sua nota l’Istat sottolinea come ad aprile i rincari dei prodotti petroliferi hanno impresso spinte al rialzo alla dinamica dei prezzi al consumo, con effetti sull’intero comparto dei trasporti – spiega il presidente Carlo Rienzi – Un aumento dei listini al dettaglio cui però non corrisponde un incremento dei consumi da parte delle famiglie, che risultano caratterizzati da un clima di incertezza”.
“Il forte rialzo dei prezzi di benzina e gasolio ha fatto sentire i suoi effetti, spingendo verso l’alto l’inflazione e determinando una maggiore spesa fino a +429 euro annui per un nucleo con due figli (+338 la famiglia “tipo”) – prosegue Rienzi – Il rincaro maggiore per le tasche dei consumatori è determinato proprio dalla voce trasporti, al punto che una famiglia con due figli deve affrontare oggi un aggravio di spesa pari a +138 euro su base annua solo per gli spostamenti, a causa delle tensioni di prezzi e tariffe nel comparto dei trasporti”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox